Cronaca
Commenta7

Sempre meno parcheggi per chi lavora. Manfredini: 'Cambiare le abitudini'

AGGIORNAMENTO - Centro storico e vie limitrofe sempre più invase da parcheggi per residenti. Le ultime strisce gialle, dove prima si poteva parcheggiare liberamente (con disco orario), sono comparse nei giorni scorsi in via Ettore Sacchi. L'assessore Manfredini: "Per chi lavora ci sono parcheggi a pagamento. Oppure si mette l'auto in periferia e si va in centro con i mezzi pubblici".

Nuove strisce gialle in via Ettore Sacchi

Centro storico e vie limitrofe sempre più invase da parcheggi per residenti. Le ultime strisce gialle, dove prima si poteva parcheggiare liberamente (con disco orario), sono comparse nei giorni scorsi in via Ettore Sacchi, e si vanno ad aggiungere a quelle che sono state disegnate un po’ ovunque negli ultimi mesi. Aree di sosta che spesso durante il giorno restano sgombere, in quanto la maggior parte dei residenti esce la mattina per andare a lavorare.

Il risultato è, per chi lavora in città, un disagio sempre più sentito nel trovare un posto in cui mettere l’auto. Quando va bene, si trova un posto nel grosso parcheggio di via Mantova o nei pochissimi parcheggi liberi rimasti in via Cadore. Ma in giorni come il mercoledì, quando c’è mercato, il rischio di non trovare neppure nei parcheggi corona è alto. Così come è capitato ad una nostra lettrice, che stamattina ha dovuto girare 3/4 d’ora prima di trovare un posto dove collocare l’auto. “Sono arrivata intorno alle 8.40. Subito mi sono resa conto dell’impossibilità di parcheggiare in via Cadore, completamente gremita. Stesso discorso ovviamente per tutte le strade limitrofe, come via Larga, via Manini, via Aporti”

Ma anche i parcheggi più lontani, come quello di via Santa Maria in Betlem, quello di via della Ceramica, quello della stazione e persino quello di via Mantova (porta Venezia) erano saturi. Non sapevo più dove cercare. Alla fine ho trovato un posteggio, dopo tanto girare, davanti alla chiesa di Cristo Re”. A quasi due chilometri dal centro.

AGGIORNAMENTO – In merito alla situazione, immediata la risposta dell’assessore alla viabilità Alessia Manfredini. “Parcheggi per chi lavora? Anche per loro con il Piano della sosta in centro storico ci sono più opportunità, nuovi posti blu con abbonamento agevolati” evidenzia l’assessore. “60 euro l’abbonamento mensile, oppure la possibilità degli abbonamenti a 35 euro per il mattino o per il pomeriggio. Inoltre è possibile sostare in struttura a tariffe molto convenienti al Massarotti (0,90 euro orari e solo 4,50 euro al giorno). Inoltre ci sono parcheggi liberi in via Massarotti e Giordano Senza dimenticare che è possibile lasciare l’auto in periferia e raggiungere il centro con il trasporto pubblico”.

“Cremona dispone di molti posti gratuiti, 60 al Quartier novo (via Santa Maria in Betlem), 60 al Santa Tecla, 200 posti al parcheggio via Mosconi/Magazzini generali, 700 al Foro Boario e 730 alle ex Tramvie, oltre a quelli disponibili in viale Po, via della Ceramica, via Massarotti e via Del Giordano e stiamo lavorando per altri parcheggi corona” continua l’assessore. “Ritengo normale, in un momento di transizione, che ci sia la necessità di modificare le proprie abitudini e una maggiore di richiesta di informazione per questo invitiamo tutti a visionare la mappa della nuova sosta disponibile sul sito del Comune di Cremona all’indirizzo https://www.comune.cremona.it/sites/default/files/allegati/2016/02/pieghevole_sosta_feb2016_sito.pdf. Nell’ambito della campagna informativa sul Piano della sosta nei prossimi giorni sarà distribuito il materiale informativa nelle vie del centro”.

lb

 

© Riproduzione riservata
Commenti