Ultim'ora
Commenta

La Vanoli Basket
in visita giovedì
al Museo del Violino

A settembre l’inno nazionale suonato da Giuseppe Mondini con lo Stradivari Vesuvio 1727 del Museo del Violino accompagnò il debutto in campionato della Vanoli Basket, inaugurando una annata finora scandita da ottimi risultati sportivi. Prima delle sfide decisive la squadra biancoblu si ritrova – giovedì 10 marzo – proprio al Museo del Violino, per rinnovare una sinergia che, oltre al già citato intervento musicale, si è tradotta in eventi e iniziative, ad iniziare da reciproci sconti per l’acquisto di biglietti: un incentivo all’incontro e la scoperta di due eccellenze territoriali, nello sport come nella cultura.

Lo staff e i giocatori i ritroveranno in Auditorium Giovanni Arvedi alle 10.20 per scattare qualche immagine ufficiale con Paolo Bodini, presidente friends of Stradivari animato da una stessa passione sincera per i violini e il basket. Poi sarà lo stesso Bodini a fare gli onori di casa ed accompagnare i cestisti alla scoperta delle collezioni di liuteria storica. E poiché il Vesuvio 1727 ha già annunciato grandi successi, alle 12 suonerà ancora per la Vanoli, in una audizione con Lena Yokoyama (ingresso Euro 7). Un “incontro” con Stradivari tutt’altro che imprevedibile: dopotutto in lingua inglese play significa sia giocare che suonare e tanto le tavole dei palcoscenici quanto i campi da basket sono in legno, benché non dello stesso tipo.

© Riproduzione riservata
Commenti