Ultim'ora
Commenta

Nuovi alloggi mai finiti
alla caserma Col di Lana,
conto da 6 milioni di euro

Foto Sessa

Una spesa da circa 6 milioni di euro per un palazzo tutto nuovo mai terminato nella caserma Col di Lana, con lavori fermi da quattro anni e un futuro incerto. Tra i guai finanziari della ditta vincitrice dell’appalto e la burocrazia, di certo resta al momento solo il conto di un’opera destinata sulla carta a ospitare nuovi alloggi per i militari. Con l’ipotesi, sullo sfondo, di un possibile rafforzamento di uomini e mezzi – mai confermato ufficialmente – del Genio guastatori (un vantaggio per Cremona in caso di calamità di vario genere considerata la specializzazione del reparto nel fronteggiare anche le emergenze naturali).

Il futuro dell’immobile, che secondo il progetto dovrebbe ospitare circa 200 posti letto, è oggi un’incognita. Non è ancora chiaro infatti quando i lavori ripartiranno. In piedi, attualmente, c’è solamente lo scheletro. L’appalto è di una decina di anni fa. Il cantiere si è però fermato nel 2012. I problemi economici della ditta vincitrice dell’appalto – una cooperativa della provincia di Caserta finita in concordato preventivo – hanno bloccato la realizzazione. Si somma una burocrazia lenta, che non ha ancora permesso di sbloccare tale situazione.

Il risultato è lo scheletro di un immobile abbandonato alle intemperie da quattro anni. Il rischio è che, proprio a causa del logorio delle intemperie e del tempo, se e quando si rimetterà mano allo stabile per concludere l’opera servirà una spesa extra per sistemare le conseguenze provocate dallo stato di abbandono.

m.f.

© Riproduzione riservata
Commenti