Ultim'ora
Un commento

Onda generatrice in cortile
Federico II, domenica
tessitura collettiva

L’Onda generatrice, l’opera da cui prende il nome il progetto artistico e solidale itinerante che dalle 15 alle 19 di domenica animerà piazza del Comune, è stata trasportata a braccia e collocata nel cortile Federico II dai volontari che l’hanno realizzata. Domenica la struttura verrà spostata in piazza del Comune. Seguirà l’avvio dell’intreccio collettivo con coinvolgimento del pubblico e tessitura del secondo livello. Ci sarà in contemporanea una performance sonora, anch’essa intreccio tra culture musicali diverse.

L’intreccio delle foglie è stato fatto da giovani cremonesi e da giovani extracomunitari ospiti della Casa dell’Accoglienza. Hanno sovrinteso alla tessitura Adriano Rossoni, Papa Faye, Babacar Mbengue, Ibrahim Mbaye insieme a studenti dell’Accademia Santa Giulia di Brescia. La direzione artistica e musicale è a cura di Pietro Spoto e i performer sono Mila Trani, Serena Ferrara, Papa Faye e Babacar Mbengue, al mixer Andrea Terrani, mentre la fotografia è di Stefano Arduini.

La tessitura, avviata a Brescia e proseguita a Cremona, si completerà progressivamente nelle piazze di altri capoluoghi lombardi (a Lodi in maggio e a Bergamo in giugno), con l’azione di giovani di nazionalità diverse. Metafora di una auspicabile società integrata.

Promotori del progetto sono l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia e la Caritas di Cremona, che stanno realizzando l’iniziativa grazie alla collaborazione e al patrocinio del Comune di Cremona (Assessorato alla Trasparenza e Vivibilità Sociale) e al sostegno di CISVOL, Forum del Terzo Settore di Cremona e del Cremonese, Tavola della Pace, Nutrire la Pace Nutrire il Pianeta, Amnesty International Gruppo 288 Cremona e Cooperativa Solidarietà Sunugal. Coinvolti anche i ragazzi del Servizio Civile e di Garanzia Giovani.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti