Commenta

Droga tra i giovani:
in provincia 81 under19
assistiti dal Sert

Sono 81 i giovani – con età inferiore ai 19 anni – seguiti dal Sert dell’Asst (Cremona e Casalmaggiore) per problemi di tossicodipendenza. Di questi, 45 erano già in carico dall’anno precedente, mentre 36 sono stati nuovi arrivi. Un dato preoccupante, che ricalca l’allarme lanciato nei giorni scorsi da un rapporto del Cnr, secondo cui si sta assistendo ad un incremento notevole del consumo di droga tra i giovani. Secondo lo studio, tramonta l’era delle droghe sintetiche, mentre torna forte il richiamo per la siringa e per l’eroina.

Secondo lo studio, è praticamente raddoppiato l’uso di eroina tra i quindicenni, decretando un nuovo, triste primato: il record di assunzione di droga per via iniettiva tra gli adolescenti. Lo studio stima che siano oltre 650.000 i liceali che nell’ultimo anno hanno fatto uso di almeno una sostanza illegale (cannabis, cocaina, eroina, allucinogeni o stimolanti). Nel contesto, poi, si rileva anche un costante, aumento negli ultimi dodici mesi dell’uso di cannabis (dal 22% al 27%) e di stimolanti (dal 2,3% al 2,7%).

Secondo lo studio, l’eroina risulta essere la droga più popolare dopo la cannabis. Il 2% dei maschi quindicenni, circa 5.000 soggetti, ha dichiarato di aver fatto uso di eroina almeno una volta nel mese precedente all’indagine. Desta ulteriore allarme, quindi, il fatto che nel 2015 circa 3.000 adolescenti hanno sperimentato sostanze ad uso iniettivo. Questa forma di assunzione è riscontrata soprattutto tra i maschi (l’1,4%, contro lo 0,6% delle studentesse) e sempre tra i giovanissimi (dall’1,3% dei quindicenni, allo 0,9% dei diciannovenni).

E’ proprio in seguito a questo rapporto che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin è tornata a lanciare l’allarme droga fra i giovani, propopnendo un coordinamento più stretto per la prevenzione fra tutti gli organi dello Stato, ministero e Regioni. Secondo il ministro, mancano opportune campagne di prevenzione.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti