Ultim'ora
Commenta

Mantova sempre più vicina
Approvata l'Agenzia
del trasporto pubblico

Continua il percorso per l’attivazione dell’Agenzia per il trasporto pubblico locale, che vedrà unite Cremona e Mantova. Nei giorni scorsi si è infatti svolto un ulteriore passaggio, ossia l’approvazione, da parte dell’amministrazione provinciale di Cremona – che sarà parte dell’agenzia per il 30,5% – del protocollo di intesa che definisce le modalità di partecipazione al finanziamento e al funzionamento dell’Agenzia.

In una prima fase di startup, è richiesta a tutti gli Enti aderenti una attiva collaborazione affinché il processo di costituzione del nuovo ente sia perfezionato in tutti gli aspetti gestionali, amministrativi, logistici e organizzativi. Il documento approvato vede l’impegno, da parte della Provincia di Cremona, di mettere a disposizione, a titolo di comodato gratuito (per la sede operativa cremonese dell’Agenzia) due uffici adeguatamente arredati e relative strumentazioni informatiche. Tre saranno i dipendenti che dovranno essere assegnati al settore (attualmente impiegate presso il Settore Ambiente e Territorio / Servizio Trasporti e Porto / Ufficio Trasporto Pubblico della Provincia e quindi in possesso di adeguata esperienza professionale per la copertura delle posizioni specificamente previste nella dotazione organica dell’Agenzia). Oltre alla Provincia, associati all’agenzia sono anche: Comune di Cremona (13%), Comune di Mantova (15,5%), Provincia di Mantova (28%), Regione Lombardia 13%. Dunque le realtà di Cremona e Mantova compartecipano per la stessa quota, il 43,5%.

L’accordo prevede che l’Agenzia si doti “di una struttura snella, contenendo le spese e considerando il supporto e la consulenza degli uffici comunali e provinciali. L’Agenzia potrà anche avvalersi, per specifiche attività di competenza, di risorse umane e professionali interne agli Enti stessi”. Il bilancio dell’Agenzia “dovrà evidenziare l’apporto di risorse umane e di beni/servizi degli Enti aderenti, anche ai fini della copertura delle uscite eventualmente non coperte dalle entrate ai sensi dell’art.18 c.3 dello Statuto”.

Gli Enti aderenti, ciascuno per la parte di propria competenza in base alle funzioni svolte prima della costituzione dell’Agenzia, “si impegnano a garantire la sostenibilità economica dei contratti di servizio vigenti mediante congrua compartecipazione finanziaria e/o condivisione di coerenti misure di contenimento dei costi gestionali. Le suddette quote di compartecipazione dovranno essere trasferite dagli Enti aderenti all’Agenzia nei tempi tecnici strettamente necessari e comunque entro e non oltre il 31 marzo di ogni anno”.

L’Agenzia, dal canto suo, provvederà “a rimborsare integralmente e con cadenza trimestrale gli oneri a proprio carico, oltre ad eventuali oneri di trasferta, ove richiesta. L’Irap dovrà essere direttamente versata dall’Agenzia a seguito della comunicazione dell’imponibile da parte della Provincia”.

Il protocollo d’intesa ha durata di un anno, con decorrenza dal 1 aprile, e potrà essere oggetto di revisione, modifica, integrazione ovvero proroga qualora al termine di tale periodo non sia stato possibile raggiungere la piena operatività e autonomia dell’Agenzia.

© Riproduzione riservata
Commenti