Commenta

“Piccoli passi”, differenziata:
in sei scuole si sperimenta
la tariffa puntuale

Dopo la giornata inaugurale del 26 aprile, sono corso le azioni sostenibili del concorso “Piccoli passi per un comportamento sostenibile”, promosso dall’Assessorato alle Politiche Educative, per incentivare l’impegno nelle piccole azioni quotidiane per un’educazione ai consumi più consapevole e rispettosa dell’ambiente. Sei le scuole coinvolte, Boschetto, S. Ambrogio, Manzoni, Stradivari, Don Primo Mazzolari, Capra Plasio, con 50 classi e più di 1000 bambini. Tutti i giorni  vengono monitorate le azioni, a partire dal piedibus con la consegna dei biglietti corse agli accompagnatori, al momento del pasto, per incentivare l’assaggio di verdure e di gusti nuovi evitando di sprecare il cibo. La gara è entrata nel vivo ora anche sul tema dei rifiuti, con la prima sperimentazione di tariffa puntuale.

In collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente, Linea Gestioni ha infatti messo in campo una prima sperimentazione di tariffa puntuale, con un conteggio del numero dei sacchi trasparenti (secco). Con la supervisione degli Agenti ambientali, che si sono recati direttamente nelle scuole, la collaborazione dei docenti e dirigenti scolastici, per sensibilizzare alla corretta separazione della varie frazioni, viene effettuato il monitoraggio costante della produzione settimanale di rifiuti.

Il concorso sta offrendo la possibilità di coinvolgere le scuole a 360° sul tema della sostenibilità. Bambini, genitori, insegnanti, operatori scolastici, addetti mensa, tutta la comunità della scuola si è attivata e partecipa in modo che gli aspetti educativi si traducano concretamente nelle azioni quotidiane.

Tutto questo fervore culminerà il 27 maggio alle ore 17, a Palazzo Cittanova, giorno in cui verranno premiate le classi che hanno usato più piedibus, quelle che hanno realizzato i prodotti creativi più significativi e la scuola che avrà totalizzato più azioni sostenibili tra piedibus, alimentazione e differenziazione rifiuti.

I premi saranno messi a disposizione dalla ditta CAMST, che si occupa di ristorazione scolastica, e da  Farmacie Comunali Gruppo Admenta Italia, entrambe a fianco del Comune di Cremona nel promuovere la salute dei bambini attraverso l’elaborazione di piani di educazione alimentare e di campagne informative per incentivare le buone abitudini.

© Riproduzione riservata
Commenti