2 Commenti

Tappa cremonese per i
'Free Bikers' del Polesine,
aspettando ciclovia Vento

Tappa cremonese per il gruppo dei Free bikers on the Road, gruppo ciclisti di Porto Tolle e Porto Viro che sta percorrendo sulle due ruote argini e strade da Pian del Re (sorgenti del Po) da dove sono partiti il 2 giugno,  fino al delta del grande fiume. La tappa di oggi è stata salutata in piazza del Duomo dall’assessore all’Ambiente e alla Mobilità Alessia Manferdini. Quattro i protagonisti di questa avventura, che rappresenta il viaggio a ritroso rispetto a quello dell’anno scorso e si inserisce nelle celebrazioni che in Polesine si stanno organizzando per ricordare il 50esimo della grande alluvione del 1966: sono Mauro Garbin, Vincenzo Mancin, Mario Mantovan e Vittorio Cacciatori, nelle gambe i 120 km di distanza tra Pieve del Cairo (Pavia) e Cremona. Domani ripartiranno alla volta di Castelmassa, sempre più in discesa fino all’arrivo a casa, a Porto Tolle, tre metri sotto il livello del mare.

polesin

Un viaggio fortemente voluto dall’amministrazione comunale del paese veneto, per stringere relazioni culturali tra le genti del Po di Piemonte e Lombardia: di ieri ad esempio l’ufficializzazione del patto di amicizia con Pieve del Cairo. Particolarmente interessata alla valorizzazione dei percorsi di mobilità lenta, l’assessore Manfredini, che ha parlato dell’impegno del Comune nello stringere alleanze con tutte le città di fiume (in primis Piacenza) in un’ottica di Area Vasta. Non poteva mancare l’auspicio dei quattro ciclisti ad una rapida realizzazione della ciclovia “Vento” progettato dal Politecnico di Milano e presentato proprio a Cremona un anno fa alla presenza del Ministro Delrio che ne confermò l’inserimento tra i progetti finanziabili. Il mondo delle due ruote attende ora la concretizzazione del progetto. La ciclovia dovrà però essere  all’altezza dei grandi itinerari del nord Europa, dove anche i bambini possono percorrere grandi distanze sulle due ruote in sicurezza e segnaletica e servizi sono di prim’ordine.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Foreste di città, l’erba alta non dà tregua. Perchè sorridono?

  • Sorcio Verde

    Si celebra il nulla come al solito, amministrazione senza nessuna prospettiva e città allo sbando, abbronzatura al top però…