Cronaca
Commenta2

Strada sud, rialza la testa il fronte del no, Burgazzi: 'Stralciare tracciato da Pgt'

Il consigliere Pd Luca Burgazzi riapre la discussione sulla strada sud, questione tornata ad accendersi dopo l’assemblea di febbraio scorso del quartiere Giordano – Cadore in cui erano emerse molte critiche al progetto di riorganizzazione viabilistica di via Giordano presentato dall’amministrazione comunale.

burgazzi-dentro
Luca Burgazzi, Pd

L’ordine del giorno di Burgazzi  (firmato anche dal capogruppo Pd Rodolfo Bona; Renato Fiamma del Misto; Filippo Bonali Sinistra per Cremona ed Enrico Manfredini, Fare Nuova la città) chiede che la Giunta presieduta dal sindaco Galimberti dia avvio all’iter di cancellazione del tracciato della strada sud, “a partire dalla prossima variante al Piano di Governo del territorio” e allo stesso tempo “continui a confrontarsi con i cittadini rispetto ad un piano volto alla riorganizzazione della viabilità di via Giordano e via Cadore, organico e frutto di un ragionamento complessivo sull’intera viabilità urbana. Le motivazioni sono quelle, già più volte citate dai componenti di maggioranza: il programma elettorale prevedeva già la rinuncia definitiva al progetto di costruzione della strada; inoltre, “questa amministrazione ha improntato la propria azione amministrativa in un’ottica volta a limitare il consumo di suolo ed evitare ulteriore urbanizzazioni che andrebbero ad impattare sul parco del Po e del Morbasco”. Richiamate anche le 7000 firme contrarie alla strada raccolte nel 2011; il fatto che la strada sia stata sempre riconfermata in tutti gli strumenti di pianificazione urbanistica (per primo il Piano regolatore Gamba del 1930) senza mai essere progettata in maniera definitiva; e che anche la Giunta Perri nel 2012 ebbe a dichiarare che la strada sud non era una priorità.

In direzione completamente opposta vanno due ordini del giorno presentati qualche settimana fa dai consiglieri di minoranza Federico Fasani e Maria Vittoria Ceraso (leggi qui).

© Riproduzione riservata
Commenti