Commenta

Nadia Bragalini eletta
nel direttivo nazionale
di Terziario Donna

bragalini, nadia, confcommercio, cremona, direttivo

La nuova dirigenza della Confcommercio Cremona, sotto la guida del presidente Vittorio Principe, ha ottenuto, a pochi giorni dall’insediamento, un importante riconoscimento a livello nazionale. La vice presidente vicaria, Nadia Bragalini, è infatti stata eletta nel consiglio generale di Terziario Donna, che ha rinnovato anche la presidenza, confermando la leadership della palermitana Patrizia Di Dio. A seguito dell’assemblea elettiva svoltasi a Roma il 13 luglio scorso, Nadia Bragalini entra nel “parlamentino” nazionale, composto da 21 componenti, con larghissimo consenso. E’ la prima volta che Cremona e il suo territorio vengono rappresentati in tale contesto.
“Sono molto felice di questo lusinghiero riconoscimento che viene dato al lavoro di squadra delle donne e degli uomini di Confcommercio Cremona – commenta Nadia Bragalini – Metterò a frutto questo mandato per portare a livello nazionale la voce delle imprenditrici del nostro territorio. Sono, ad esempio, allo studio alcune proposte di legge importanti, anche di carattere fiscale, che Terziario Donna, grazie all’impegno costante e appassionato della nostra presidente nazionale Patrizia Di Dio, sta avanzando per agevolare il lavoro femminile nelle imprese e realizzare un percorso di effettiva parità. Il nostro Consiglio nazionale ha stretto contatti con la presidente della Camera Laura Boldrini che sta facendosi carico di sostenere le nostre proposte a livello parlamentare”.

“E’ per me motivo di grande orgoglio – sottolinea Vittorio Principe – poter iniziare il mandato con questo importante risultato ottenuto da Confcommercio Cremona. Nel mio programma avevo sottolineato come occorresse far sentire la voce delle nostre imprese in tutte le sedi, attraverso una rappresentanza qualificata e propositiva. Questo è solo il primo passo verso tale azione di consolidamento della nostra presenza. Per far contare di più le aziende di Cremona e della provincia è necessario esprimere a tutti i livelli proposte significative.

© Riproduzione riservata
Commenti