Commenta

Provincia, i dipendenti
del settore lavoro forse
in Camera di Commerico

L'amministrazione provinciale potrebbe trovarsi a pagare un affitto di oltre 30.000 euro per l'utilizzo del piano terra dello stabile di via Dante, ora in gran parte vuoto dopo il ritorno delle competenze legate all'agricoltura in Regione.

L’amministrazione provinciale potrebbe trovarsi a pagare un affitto di oltre 30.000 euro per l’utilizzo del piano terra dello stabile di via Dante, ora in gran parte vuoto dopo il ritorno delle competenze legate all’agricoltura in Regione. I dipendenti che si occupano di questo settore, già in carico per quanto riguarda i pagamenti alla Regione, sono stati trasferiti in vicolo Maurino, nei locali dell’ex consultorio. Il problema è un altro. Dove collocare la ventina di dipendenti del settore lavoro, gli unici rimasti negli uffici di via Dante ed evitare l’oneroso affitto all’ente provinciale per funzioni ormai non più sue, essendo il lavoro di competenza statale e regionale?
La Regione latita, dicono da corso Vittorio Emanuele. Una soluzione definitiva non è ancora stata trovata, ma si pensa di utilizzare alcuni locali della Camera di Commercio. Sono in corso le trattative.
L’affitto pagato dalla Provincia dal primo gennaio 2016 al 31 agosto è di 252mila euro. C’è poi l’aspetto legato alla delega al contenimento delle nutrie, di cui deve occuparsi la Provincia, ma la Regione ha stanziato solo 25mila dei 330mila euro richiesti dall’ente cremonese.
“Nonostante ciò”, ha precisato Alberto Sisti, consigliere provinciale con delega all’agricoltura , “abbiamo voluto continuare ad affrontare tale questione, peraltro con una delega ritornata alla Regione medesima e sulla quale, nonostante vari solleciti, la stessa non ha mai risposto. Pesano poi le gravi difficoltà di bilancio dell’ente e la difficoltà a chiuderlo entro fine mese”.

Simone Bacchetta

© Riproduzione riservata
Commenti