Un commento

Altra raffica di controlli
interforze in ospedale e
in piazza Lodi. Tre fermati

Ancora raffica di controlli da parte degli agenti della Questura, impegnati, insieme ai colleghi della locale, ai carabinieri e alla finanza, nel parcheggio dell’ospedale e in piazza Lodi per un nuovo servizio contro gli abusivi. Tre i fermati. Posto di controllo in largo Moreni.

Ancora raffica di controlli in città da parte degli agenti della Questura, solo ieri impegnati in centro, in particolare in piazza Lodi e in piazza Roma. Questa volta gli uomini della polizia di Stato, insieme ai colleghi della polizia locale, ai carabinieri e ai militari della guardia di finanza, sono tornati nel parcheggio dell’ospedale per un nuovo servizio contro i venditori abusivi. Oggi pomeriggio, davanti al nosocomio cittadino, sono state fermate due persone. Una terza è stata invece bloccata mentre si stava spostando da piazza Lodi in Galleria XXV Aprile. I tre venditori abusivi sono stati accompagnati negli uffici di via dei Tribunali per l’identificazione e per accertamenti. E’ stato anche sequestrato del materiale, tra marsupi, accendini e altri oggetti, tutti prodotti non contraffatti per i quali è scattato un sequestro amministrativo per vendita irregolare. Nel tardo pomeriggio, una volta terminate le pratiche sui tre fermati, gli agenti della Questura e i colleghi della polizia locale sono tornati a presidiare il parcheggio dell’ospedale, mentre un ulteriore servizio, un posto di controllo, è stato invece effettuato dai carabinieri e dalla guardia di finanza in largo Moreni. Ancora una volta dalla Questura si è sottolineato l’obiettivo primario di queste attività, che è principalmente quello preventivo, in questo caso rivolto all’abusivismo e ai reati contro il patrimonio. I controlli saranno presto ripetuti in altri punti strategici della città.

Sara Pizzorni

cc e gdf moreni - dentro

 

locale-d

Il materiale sequestrato

Il materiale sequestrato

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sorcio Verde

    Via,Via,Via… ma tanto domani tornano.