Commenta

Artisti italiani e stranieri
a Pizzighettone
per Music Wall

Andrea Braido e Massimo Varini sono i primi ospiti della quarta edizione di Music Wall, la fiera della musica ideata e organizzata dal Centro Musica Pizzighettone in collaborazione con Pizzighettone Fiere dell’Adda e programmata per domenica 18 settembre (ingresso gratuito dalle 10 alle 19) a Pizzighettone.

Due ospiti prestigiosi. Braido è un musicista capace di passare dal jazz al rock, dalla fusion all’improvvisazione con estrema disinvoltura. È stato il chitarrista, fra gli altri, di Vasco Rossi, Laura Pausini, Eros Ramazzotti e Zucchero. Massimo Varini – che timbra la seconda presenza a Music Wall – è un chitarrista che ha ‘prestato’ la sua ‘sei corde’, tra gli altri, a Biagio Antonacci, Nek, Andrea Bocelli, Mina, Alessandra Amoroso e Francesco Renga. È anche autore, arrangiatore e produttore artistico.

La manifestazione, in continua crescita di espositori e pubblico, è una vetrina per strumenti musicali, con particolare attenzione alla liuteria moderna, e vede come strumento regina la chitarra in tutte le sue declinazioni.

Le Casematte della cerchia muraria di Pizzighettone, trentaquattro ambienti con volta a botte e collegati tra loro, ospiteranno circa settanta: liutai, costruttori, riparatori e commercianti esporranno chitarre elettriche e acustiche, bassi, amplificatori, percussioni, effetti e accessori, e si mescoleranno con editoria musicale, vinili, CD e capi d’abbigliamento a tema. Il pubblico potrà toccare e provare gli strumenti musicali lungo un circuito espositivo di oltre tremila metri quadrati interamente coperto: proprio la particolare ambientazione storica abbinata alla strumentazione moderna rendono l’evento unico nel suo genere.

Ad affiancare l’aspetto espositivo della manifestazione ci sarà anche una corposa sezione dedicata a clinic e dimostrazioni con ospiti e addetti ai lavori. Inoltre gli organizzatori hanno, come sempre, coinvolto le scuole e le associazioni musicali, che avranno un settore completamente dedicato a loro e alle loro proposte. E qui si colloca un’altra importante novità della manifestazione: la vicina Piazza d’Armi sarà trasformata in uno spazio live con un grande palco che accoglierà l’esibizione di ospiti, associazioni e scuole di musica. Una sorta di ‘secondo percorso’ affiancato a quello nelle mura: il pubblico potrà, da un lato, visitare l’expo con gli strumenti e gli accessori e, dall’altro, ascoltare le esibizioni e ‘sentire’ gli strumenti ammirati nelle casematte.

Le novità però non sono ancora finite. Gli organizzatori, in un frenetico work in progress, stanno lavorando per incrementare le iniziative e per migliorare quelle già in agenda per il 18 settembre. Tra queste ultime c’è il Loop Festival che occuperà il palco della Casamatta 26 per quattro ore di spettacolo. Si tratta di un vero evento nell’evento: i musicisti coinvolti costruiscono, in tempo reale, diversi piani sonori. Non un semplice sampling, ma una serie di tecniche che consentono di creare e manipolare dal vivo loop o porzioni di loop, sviluppando complesse tessiture musicali.

Sul palco di Music Wall ci saranno Randolf Arriola, chitarrista proveniente da Singapore, lo svedese Per Boysen allo stick e flauto traverso, lo svizzero Bernhard Wagner, chitarrista e membro della band dei Sonar, e al piano l’italiano Fabio Anile. I quattro musicisti si esibiranno in una serie di performance in cui esprimeranno diverse tecniche di live looping applicate a stili, strumenti e generi musicali differenti.

In questo clima di fervente attività musicale proseguono i lavori della macchina organizzativa che si prepara ad annunciare altre sorprese per l’edizione 2016 di Music Wall.

© Riproduzione riservata
Commenti