Cronaca
Commenta

Piscina, si attende il bando Ecco la proposta di Sport management

Si ripartirà in autunno con il bando, ma nel frattempo la società Sport management S.p.A. con sede a Verona, ha già presentato il suo progetto sulla riqualificazione delle piscine comunali con tutta una serie di tavole e lì si vede come, secondo però Sport management saranno ad esempio i nuovi spogliatoi per la piscina convertibile, ma anche gli spogliatoi per gli istruttori, gli arbitri, il personale, e poi la palestra, oltre a tutta la sistemazione esterna con i reggibicilette, le fioriere. Scaduta ormai da tempo la concessione della gestione della Piscina comunale in piazzale Azzurri d’Italia, prorogata però alla Fin, ora il Comune alla ripresa dei lavori pubblicherà il bando. La proposta con tutti gli allegati presentata da Sport management, risulta composta da un progetto di fattibilità, una bozza di convenzione, un piano economico finanziario e la specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione (progetto gestionale) e corredata dalle autodichiarazioni, dalla cauzione e dal loro relativo impegno. La proposta presentata prevede in sintesi: una proposta gestionale del complesso natatorio per un periodo di complessivi anni 25; un costo presunto di investimento complessivo a carico del Concessionario pari a €. 29.700.344,19, una proposta di lavori di riqualificazione edile ed impiantistica. Questo non significa che il comune darà in concessione la piscina a Sport management, in quanto verrà formulato un bando al quale potranno partecipare tutti gli interessati. La bozza di convenzione che sarà poi alla base per costruire la gara dovrà tenere in considerazione non solo gli impianti natatori, ma anche la riqualificazione dell’ingresso, la realizzazione di una nuova area bar e la riqualificazione degli spazi a verde esterni, perchè nelle intezioni del comune quello di riqualificare anche tutta l’area esterna. Il contributo a carico del comune sarebbe pari a 230 mila euro per gli investimenti del concessionario.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti