Commenta

La Lega rilancia il sogno del
canale navigabile da Cr a Mi
Progetto da un miliardo

Si torna a parlare di canale navigabile tra Cremona e Milano e lo fa la Lega Nord, partito che di questa infrastrutture ha sempre fatto un cavallo di battaglia. Sabato Umberto Bossi salirà su un battello sul Naviglio all’altezza di Trezzano sul Naviglio e navigherà per tutto il corso d’acqua fino ad attraccare in Darsena a Milano. ‘Navigando dalla Svizzera alla Lombardia. Un sogno realizzabile’, questo il titolo del convegno che verrà chiuso proprio dal Senatur in Alzaia Naviglio Pavese. Asse portante del sistema idroviario padano – veneto è il canale navigabile che parte da Cremona e da cinquant’anni è fermo a Pizzighetone, l’anno scorso rilanciato dall’Agenzia interregionale del fiume Po, con un progetto di adeguamento che costerebbe ‘solo’ un miliardo di euro, già inserito dall’UE nello stesso pacchetto di infrastrutture che comprende i corridoi ferroviari Lisbona-Kiev e Genova-Rotterdam.

Un progetto che, secondo l’ex ministro alle infrastrutture Roberto Castelli, “è enormemente importante dal punto di vista strategico: far arrivare dall’Adriatico a Truccazzano, alle porte di Milano, piccole navi lunghe 100 metri e larghe 12 metri. I lavori si dovrebbero concentrare in particolare nel tratto che va da Cremona a Truccazzano. Il progetto, se realizzato, potrebbero creare enormi vantaggi dal punto di vista dell’economicità dei trasporti ma soprattutto un’enorme riduzione dell’inquinamento in Pianura Padana, area sempre sotto scacco dell’Unione europea. Ognuna di queste navi toglierebbe dalle strade 40 autotreni”. “Ma dal 2011 – aggiunge l’ex ministro in un’intervista al Giorno –  da quando il centrodestra non è più al Governo, il progetto è stato congelato, anche se già parzialmente finanziato. Serve un miliardo di euro per realizzare i lavori da Cremona a Truccazzano. Una cifra che può sembrare alta ma non lo è considerando quanto sono costate altre infrastrutture: il Mose è costato 5 miliardi di euro, la Salerno-Reggio Calabria 11 miliardi».

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti