Un commento

Consulenza da 70mila
euro. Fasani: 'Bando pieno
di stranezze, da bloccare'

Prime reazioni politiche alla notizia (leggi qui: Aggiornamento cartografia digitale, da Comune 70mila euro per incarichi esterni) che il Comune, settore Lavori Pubblici, sta cercando due professionisti esterni per l’aggiornamento della cartografia digitale del servizio informativo territoriale. “Siamo alle solite”, dichiara il consigliere di Ncd Federico Fasani, chiedendo che venga bloccata la procedura per la ricerca delle due figure. “Un’altra doppia consulenza da 35.000€, così non è obbligatoria la gara, per un totale di 70.000€.
Dopo l’incongruenza dei soldi alla Fiab per risolvere i problemi delle piste ciclabili cittadine (un po’ come portare il proprio cane ammalato al WWF invece che dal veterinario!) si riparte con una strana “Indagine di mercato” per stabilire chi si aggiudicherà il malloppo, con affidamento diretto, per il rilievo della segnaletica.
Peccato che lo scarno ‘bando’ esposto per soli dieci giorni non richiede nessun titolo di studio e soprattutto non indica il punto cartografico di partenza, trattandosi di un aggiornamento, da cui il professionista dovrebbe iniziare a svolgere il suo incarico. Un lavoro ad occhi chiusi, insomma, che solo chi conosce le premesse può permettersi di affrontare. L’unica certezza sono i soldi, tanti, munti ai Cittadini cremonesi. Di solito si danno incarichi esterni quando non ci sono tra i dipendenti pubblici figure che hanno il profilo professionale necessario. Ma qui il profilo professionale non è nemmeno richiesto. Quale sarebbe il lavoro che non si può svolgere tra le mura degli uffici comunali? Eppure abbiamo un ufficio dedicato proprio a quella funzione. Gli incarichi del 2006 e 2007, decine di migliaia di euro già spesi per gli stessi lavori e affidati alla stessa coppia di professionisti, sono stati effettivamente svolti?”
“Come mai – chiede ancora Fasani – solo 10 giorni per esplorare le figure professionali? Come mai sono richieste proprio due figure, esattamente come negli incarichi del 2006, per questo lavoro? Ci sono tante stranezze che meritano di essere approfondite”. E poi la richiesta: “Si sospenda subito quell’affidamento. Nel pomeriggio ho sentito il Presidente della Commissione di Vigilanza, il consigliere Ventura. Stiamo progettando una seduta per fare luce su molte consulenze strane. In un’epoca di “vacche magre” in cui i Cittadini si sentono rispondere sempre: ‘…mi dispiace, non ci sono i soldi…’ il Comune sperpera senza indagare le potenzialità professionali espresse dal personale dell’ente. E questo è gravissimo”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Dott. Landi Roberto

    L’ennesimo esempio di assoluta mancanza di trasparenza e correttezza sostanziali, dietro l’apparente rispetto delle regole. Ovvero un plateale sperpero di risorse pubbliche per incarichi del tutto inutili e scopertamente clientelari, a solo vantaggio di compagni di merende. A Galimberti deve piacere davvero molto la famosa massima di Giolitti : “In Italia le leggi nei confronti dei nemici si applicano. Per gli amici si interpretano”. Un’altra pagina vergognosa di una Amministrazione che ne ha già collezionate moltissime. Una Giunta della “mala vita”, parafrasando il giudizio proprio su Giolitti che formulò Salvemini.