Ultim'ora
Commenta

Questura, giro di vite sui
locali cittadini: al bar Eva
attività sospesa 10 giorni

Continua il giro di vite della questura sui locali cittadini. Questa volta è stata sospesa per dieci giorni l’attività del bar Eva di via Tonani, molto frequentato anche da ultras della Cremonese. Lo ha deciso il questore Gaetano Bonaccorso in seguito ad un intervento nel locale lo scorso novembre da parte degli agenti del reparto prevenzione crimine di Milano,  dei colleghi della volante e della sezione amministrativa della Questura di Cremona. Verso le 2 di notte del 23 novembre, i poliziotti della volante erano stati chiamati da un uomo che lamentava di essere stato aggredito con un coltello all’interno del bar. La vittima aveva avuto un litigio per motivi personali con un conoscente che ad un certo punto aveva estratto un coltello con il quale lo aveva minacciato. In quel momento nel locale c’erano numerosi clienti, compresi ultras della Cremonese. Tutti sono stati identificati. Tra i clienti, molti dei quali con precedenti penali, c’era anche il presunto aggressore. La polizia ha effettuato una perquisizione accertando che in effetti l’uomo era in possesso di un oggetto di metallo molto simile ad un coltello. L’arma è stata sequestrata e l’uomo denunciato per minaccia e porto di armi e oggetti atti ad offendere. Da qui la decisione del questore di sospendere la licenza al locale per 10 giorni a partire dal 14 dicembre. Numerosi, in tutto l’arco dell’anno, sono stati i provvedimenti di questo genere emessi dal questore nei confronti di locali cremonesi.

bar-eva-dentro

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti