Cronaca
Commenta1

Ghiaccio: strage sulle strade: quasi 20 incidenti e raffica di cadute in poche ore

AGGIORNAMENTO - Una ventina di incidenti nelle prime ore di questa mattina e manutenzione stradale sotto accusa. La Provincia: "Iniziate alle ore 15 di giovedì 12 gennaio, le operazioni di spargimento di sale lungo tutta la rete di competenza con l'impiego di 9 spargi-sale".

foto di repertorio

AGGIORNAMENTO – “Rispetto alle particolari condizioni meteo, con pioggia ghiacciata e vento gelido, la Provincia di Cremona, contrariamente a quanto apparso sulla stampa, precisa che è stata impegnata a partire dalle ore 15 di giovedì 12 gennaio, nelle operazioni di spargimento di sale lungo tutta la rete di competenza con l’impiego di 9 spargi-sale,  nonchè con interventi puntuali in reperibilità durante la notte e con un ulteriore intervento a tappeto, tutt’ora in corso, a partire dalle ore 6 di oggi venerdì 13 gennaio”. E’ la puntualizzazione dell’amministrazione provinciale, responsabile della manutenzione strade extraurbane, in merito alla situazione viabilistica sul territorio di questa mattina, che nelle prime ore ha visto un’anomala sequela di incidenti, segnalati peraltro anche nel resto della Lombardia.
“Per fronteggiare questa situazione di emergenza – continua l’ente – data dalle particolari condizioni meteo che hanno portato pioggia ghiacciata e a seguire vento gelido e temperature sotto zero, sono attualmente impegnati 12 mezzi spargi-sale e tutto il personale viabilità per il trattamento manuale di incroci e punti critici”.

Raffica di incidenti sulle strade provinciali fin dalle prime ore di venerdì 13 gennaio, con strade rese scivolose dal ghiaccio. In nessun caso fortunatamente si sono registrati feriti gravi.  Ben dieci le persone coinvolte nei pressi di Crema sulla Paullese, alle 5,30, in uno scontro tra auto; quasi contemporaneamente si verificavano tamponamenti ed uscite di strada a Genivolta sulla provinciale 25 (coinvolto un 23enne); a Montodine sulla provinciale 14; a Cingia de Botti su via Giuseppina; e poi, dopo le 6, a Soresina sulla provinciale 89 con tre feriti lievi;  a Spino d’Adda sulla provinciale 1; ancora  Montodine alle 6.55 con coinvolgimento di un mezzo pesante.

Sul versante cremonese – casalasco, incidenti poco dopo le 7 lungo via Persico a Gabbioneta Binanuova, con interruzione di circolazione che ha costretto molte auto a fare marcia indietro e coinvolgimento di un 37enne e un 49enne feriti lievemente; a Pescarolo sulla provinciale 33, con un ferito di media gravità, a Malagnino sulla sp. 27. E ancora, a Vaiano alle 8,13 per un fuori strada e alle 8.30 a Pieve San Giacomo per un sinistro analogo. Innumerevoli le cadute al suolo che hanno richiesto l’intervento dell’ambulanza, tanto su strade cittadine quanto su quelle dei paesi. Una situazione in continua evoluzione, che sta tenendo impegnati Vigili del Fuoco e forze di polizia. La causa più probabile è lo strato di ghiaccio che si è formato dopo la pioggia della notte scorsa e la mancanza di un adeguato spargimento di sale.

Come se non bastasse, sicurezza a rischio anche per chi gira a piedi e in bicicletta: numerosissimi anche gli incidenti che hanno visto coinvolti mezzi a due ruote, i cui conducenti sono caduti a terra sempre a causa del ghiaccio sulle strade. Allo stesso modo, molte anche le cadute di pedoni: quasi 10 in poche ore gli interventi del 118 per soccorrere persone cadute per strada, scivolate a causa del gelo. Intanto sui social network fioccano le proteste a causa di zone della città completamente ghiacciate: chi segnala problemi in via Postumia, chi racconta di almeno una decina di cadute in biciclette alla rotonda del sottopasso di via Brescia, chi se la prende con il Comune per il mancato spargimento di sale. Insomma, un vero e proprio bollettino di guerra.

© Riproduzione riservata
Commenti