Commenta

Traslochi e trasformazioni
a palazzo vescovile per
sfruttarne le potenzialità

Grandi cambiamenti a palazzo vescovile. Il primo piano subirà una trasformazione, da poco è terminato il trasloco degli uffici dei beni culturali della diocesi che si sono trasferiti al piano terra, dove è raggruppata tutta la parte operativa della curia vescovile. Negli spazi liberati, per ora resta l’archivio dell’ufficio dei beni culturali, anche se nelle intenzioni del vescovo c’è quello di trasformare questa parte del palazzo insieme ad altre stanze, poco usate, in una foresteria per preti anziani. Non è segreto che il vescovo fin dal suo insediamento voglia sfruttare tutte le potenzialità di palazzo vescovile, per tanti anni chiuso al pubblico. Già nei sotterranei si sta lavorando per la realizzazione del museo diocesano. All’alto prelato non dispiacerebbe creare un percorso anche nelle sale nobiliari del palazzo, esponendo lì, negli spaziosi saloni, la collezione degli arazzi di proprietà della diocesi, che non troverebbero posto nel futuro museo diocesano. Insomma una piccola rivoluzione in corso.

S.G.

© Riproduzione riservata
Commenti