Commenta

Il senso unico in via Oglio
divide, ma la giunta tira
dritto. A giorni le ordinanze

Indietro non si torna, i sensi unici in via Oglio e via Chiese, oltre alla rotonda tra le vie Mincio e Serio nonostante gli spazi ridotti, si faranno. Gli uffici della viabilità in Comune stanno preparando le ordinanze che recepiranno l’orientamento di Giunta della fine dell’anno scorso relative al quartiere Po. Un  riordino atteso da anni, discusso a dicembre nell’assemblea del Quartiere 10. Se E se sulle modifiche nelle strade più periferiche (via Toti e parallele) non ci sono obiezioni, appare più problematica la situazione in via Oglio e via Ticino, dove genitori e insegnanti della scuola Monteverdi hanno chiesto da tempo modifiche per la sicurezza dei bambini, mentre critiche si sono levate dagli esercizi commerciali. La farmacia Zamboni ad esempio ha espresso all’amministrazione comunale il proprio dissenso ritenendo poco utile il senso unico in uscita da via Oglio verso il viale, in quanto il problema dell’affollamento di auto sarebbe concentrato in pochi minuti all’ingresso e all’uscita delle scuole; semmai è l’anarchia delle automobili che si fermano a bordo strada a creare problemi. Critiche anche alla prevista pedonalizzazione di via Ticino, dove si trova anche l’asilo Agazzi. L’intenzione dell’amministrazione è chiudere in maniera permanente l’accesso alle auto. Ma così facendo, affermano le voci critiche, si otterrebbe l’effetto di aumentare il senso di insicurezza in una zona tipicamente residenziale, con già adesso scarso passaggio e poco illuminata.

Si dice tranquilla l’assessore alla partita Alessia Manfredini, che oggi ha portato il tema del riassetto viabilistico come comunicazione in giunta ricevendo l’ok ad andare avanti: “Le ordinanze in fase di preparazione forniranno i dettagli delle modifiche, che saranno graduali e e presuppongono una capillare informazione ai residenti. Sappiamo bene che ogni modifica crea reazioni, ma quella di via Oglio è una situazione complicata da tanto tempo, ce l’hanno segnalata insegnanti e genitori, non possiamo voltarci dall’altra parte ed è in linea con l’orientamento della Giunta sulle limitazioni alle auto presso tutte le sedi scolastiche. La pedonalizzazione di via Ticino, oltre ad un miglioramento della sicurezza, risponde anche ad un’esigenza di  protagonismo da parte della scuola e della comunità, la strada è infatti tra quelle inserite nel progetto sulla vivibilità del quartiere, con finanziamento di fondazione Cariplo”.

Il senso unico in via Oglio, con riordino delle piazzole di sosta, consentirà di creare una sorta di anello circolare con via Adda, mentre su via Chiese è stata accantonata l’idea della pista ciclabile, che avrebbe tolto posti auto su un lato. La strada però sarà resa a senso unico (a quanto pare senza obiezioni dei residenti) da via Trebbia verso la chiesa.

Nel merito delle scelte viabilistiche non vogliono entrare i rappresentanti del Comitato genitori dell’istituto comprensivo Cremona2, che comprende oltre alla scuola Monteverdi, anche Bissolati e Virgilio, ma certamente una riduzione del passaggio auto va esattamente incontro alle loro esigenze. “Noi l’anno scorso abbiamo fatto un percorso con il Comune in merito alla promozione dell’autonomia dei bambini”, spiega Fabio Bruno Fasanini, presidente del Comitato. “Su 200 bambini circa che frequentano la Monteverdi, una sessantina hanno aderito al Piedibus, un vero successo. In questi incontri abbiamo parlato di viabilità con i rappresentanti del Comune, nell’ambito di un discorso complessivo su come rendere autonomi i bambini nel quartiere. E’ in questo contesto che gli amministratori ci hanno presentato il progetto sulla viabilità, di cui abbiamo preso atto”. Il Comitato genitori, nato due anni fa solo per la Monteverdi, è stato da poche settimane ampliato alle altre famiglie dell’IC e vede all’interno del direttivo anche Michele Bozzetti (vice-Presidente), Carlo Cavacece (Segretario), Claudio Grossi (Tesoriere), Bernini Marco (rappresentante Monteverdi), Filippo Nespoli (rappresentante Bissolati) e Tania Legnazzi (rappresentante Virgilio).

g.biagi

via oglio e ticino - evid

via chiese evid

© Riproduzione riservata
Commenti