Commenta

Polizia, in un anno
calati drasticamente
i furti e le rapine

Reati in notevole calo sia sul territorio cremonese che nella città di Cremona: questo il dato che emerge dal rapporto sull’attività della polizia nell’ambito delle celebrazioni per il 165º anniversario, che si terranno lunedì in piazza del Comune. “I dati evidenziano il trend di andamento del fenomeno criminale e ci aiutano a impostare le indagini. Quest’anno i numeri risultano positivi in modo incredibile. In provincia i furti sono calati del 19%, mentre in città del 18%” spiega il questore Gaetano Bonaccorso. In particolare, come evidenziano i dati relativi all’attività della polizia anticrimine, emerge anche un calo del 35% dei reati contro la persona (-41% in città), dei furti del 27% (-42% in città). Crescono solo i reati relativi agli stupefacenti: +6% sul territorio e +20% in città.

tab-reati-prov tab-reati-citta

L’attività della Divisione Anticrimine è stata particolarmente incentrata al contrasto di allarmanti tipologie di reato soprattutto ai danni di minori e vittime di stalking, “in riferimento ai quali sono stati emanati, nell’arco temporale riferito al 2017, ben 20 provvedimenti, in forte aumento rispetto ai 9 ammonimenti comminati nel periodo aprile 2015 – febbraio 2016” evidenzia ancora il questore.

Un ulteriore obiettivo perseguito è stato l’allontanamento dal territorio provinciale di soggetti potenzialmente pericolosi per la collettività, nei confronti dei quali, nei soli primi due mesi di quest’anno sono stati notificati ben 70 fogli di via obbligatori, nei confronti di altrettante persone ritenute pericolose, che giungevano in questa provincia dai loro luoghi di rispettiva residenza, a fronte di 95 fogli di via emessi nel corso di tutto il 2016.

“Tra le cose più significative si evidenzia un aumento della presenza delle volanti del 10%” spiega ancora il questore. “Un grande risultato ottenuto senza alcun aumento di organico, e anzi, con un calo dovuto ad alcuni pensionamenti. I controlli sul territorio sono quindi incrementati del 20%: un dato che denota una presenza attiva sul territorio, risultato di una attività di studiò sul piano organizzativo, aumentando le forze all’esterno e lasciando meno agenti in ufficio. Di questo sono molto soddisfatto dell’attività fatta perché è proprio l’attività di polizia che io immagino”.

In particolare, rispetto all’anno precedente, di circa il 10%, passando da 1382 a 1511, con un aumento di ben 129 pattuglie in un anno. Ciò ha permesso di raddoppiare e a volte triplicare il numero di volanti, nelle giornate di maggiore criticità dell’anno. “Grazie a tale notevole sforzo sono stati ottenuti significativi risultati sul piano del contrasto e soprattutto della prevenzione dei reati di maggiore allarme sociale” spiega il questore.

LA SCIENTIFICA

Il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica ha svolto nell’anno di riferimento le seguenti attività: 13 sopralluoghi per reati di diversa natura;
• 6 interventi per rinvenimenti di cadaveri; 3291 fotosegnalamenti; 293 attività di riprese video in occasione di eventi di ordine pubblico.

LA POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE

Nel periodo preso in esame, il Settore Armi della Divisione P.A.S. ha continuato l’attività di revisione straordinaria dei requisiti psicofisici soggettivi in capo ai detentori di armi, prevista dal Decreto Legislativo nr.121/2013, procedendo a diffidare circa 377 soggetti per la presentazione del prescritto certificato medico di idoneità.

La medesima Sezione ha trattato 900 pratiche relative alle domande di rilascio/rinnovo del porto d’armi, sia per uso sportivo che venatorio, (di cui 811 già rilasciati), nonché ha emesso 27 provvedimenti di revoca del porto d’armi e di nr. 23 provvedimenti di diniego del porto d’armi. Inoltre ha provveduto al rilascio di 110 autorizzazioni varie in materia di armi (nulla osta all’acquisto, nulla osta al trasporto, licenze di collezione, autorizzazioni all’esportazione o importazione di armi, ecc.). Infine sono state formulate alla Prefettura di Cremona 39 proposte di divieto detenzione armi ex art. 39 Tulps.

La Sezione Licenze di P.S., preposta al rilascio di autorizzazioni di Polizia finalizzate all’esercizio di attività di tipologie diverse (agenzie d’affari, commercio preziosi, nomina rappresentanti, sale giochi o scommesse, nulla osta volo da diporto) ha trattato 51 istanze di rilascio di autorizzazioni di pubblica sicurezza (di cui 45 già rilasciate), previo controllo dei requisiti soggettivi ed oggettivi dei richiedenti. Inoltre ha proceduto all’emissione di 12 provvedimenti di sospensione ed uno di revoca della licenza di pubblico esercizio, ai sensi dell’art. 100 Tulps, in relazione a irregolarità o episodi di violenza o disordini verificatisi all’interno degli esercizi stessi. Di particolare rilevanza è l’incremento del numero di sospensioni di licenze di pubblici esercizi, rispetto a periodi precedenti, in attuazione di una specifica e mirata strategia finalizzata al monitoraggio degli esercizi pubblici, sotto il profilo del rispetto delle norme regolamentari, nonché del controllo degli avventori, al fine di individuare soggetti o reprimere e prevenire episodi che possano costituire allarme sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica.

La Squadra Accertamenti ha proceduto al ritiro a vario titolo (sequestro o consegna volontaria) di circa 180 armi, successivamente versate al Cerimant, per la relativa rottamazione. Gli operatori, inoltre, hanno effettuato i previsti controlli e monitoraggi sul territorio di tutte le attività indicate in premessa, per la verifica dell’osservanza delle prescrizioni imposte dal Tulps e con finalità di contrasto ad eventuali abusi delle licenze o comportamenti illeciti.

L’Ufficio Passaporti, nel periodo in esame, ha rilasciato nr. 4654 libretti di passaporto, 545 dichiarazioni di accompagnamento per minori e circa 67 nulla osta al rilascio richiesti da altre Questure o da Uffici Consolari esteri.

IMMIGRAZIONE

Dal 1° aprile 2016 al 28 febbraio 2017 sono stati rilasciati 9603 permessi di soggiorno. Nell’ambito di piani straordinari di controllo del territorio, volti non solo al contrasto dell’immigrazione clandestina ma anche dello sfruttamento della manodopera e alle varie forme di criminalità che attingono dal circuito clandestinità, sono state eseguite 38 espulsioni con accompagnamento coatto in frontiera, 79 espulsioni con l’Ordine del Questore ad abbandonare il territorio nazionale entro sette giorni e 17 decreti di trattenimento presso i Centri di identificazione ed espulsioni presenti su tutto il territorio nazionale. Sono stati emessi 22 provvedimenti di allontanamento di cittadini comunitari. Nello stesso periodo sono state acquisite 932 istanze di asilo.

LA SQUADRA MOBILE

A supporto dell’azione info-investigativa, la Squadra si avvale di moderni sistemi tecnologici ed informatici in dotazione al Servizio Centrale Operativo e del fondamentale contributo della Polizia Scientifica, soprattutto nell’attività di sopralluogo giudiziario per esaltare tracce dattiloscopiche e biologiche, utili per l’identificazione dell’autore del reato e la ricostruzione dinamica dell’evento. Moltissime le operazioni di rilievo portate a termine nel corso dell’ultimo anno.

DIGOS

Nel periodo in esame, gli agenti della Digos si sono occupati dell’identificazione e del deferimento all’Autorità Giudiziaria di 21 esponenti della locale tifoseria, resisi responsabili a vario titolo di atti di violenza durante incontri di calcio.

digos

LA STRADALE

Nell’ambito dei controlli di Polizia Stradale, molta attenzione è stata dedicata al controllo dei veicoli commerciali, sia nazionali che esteri, adibiti al trasporto di merci e di persone. I mezzi controllati sono stati circa 5700. In particolare, vengono svolti pressoché quotidianamente, servizi mirati al controllo di veicoli che effettuano trasporto di animali vivi e trasporto di derrate alimentari: in questo campo è da tempo avviata una proficua collaborazione con i veterinari ed il personale preposto dell’ Azienda Territoriale Sanitaria Valpadana di Cremona.
Nel corso del 2016, grazie a una costante attività di prevenzione e vigilanza, al fine di assicurare una più efficace azione di contrasto alla criminalità diffusa hanno identificato 33.064 persone e controllato 32.350 autoveicoli.

Per quanto riguarda l’attività amministrativa di specifica competenza, ai fini del contrasto al furto, alla ricettazione ed al riciclaggio di autoveicoli, nel corso dell’anno passato questa Sezione, ha proceduto al controllo di 53 esercizi commerciali, quali compravendite di veicoli nuovi ed usati, carrozzerie, autofficine, agenzie di pratiche auto ecc.., con 965 veicoli controllati e 185 persone identificate, procedendo a segnalare quali indagati in stato di libertà 3 titolari di autoscuole per reati contro la pubblica fede e ambientali, ed elevando complessivamente 12 contestazioni amministrative per violazioni al Testo Unico di Leggi Pubblica Sicurezza ed a normative ambientali.

© Riproduzione riservata
Commenti