Commenta

San Sigismondo apre
i battenti ai visitatori
in occasione del 1º maggio

Anche quest’anno, come tradizione, in occasione del primo maggio il monastero di S. Sigismondo aprirà i battenti ai visitatori. Ad annunciarlo è il sito della Diocesi di Cremona- Nella memoria liturgica di san Sigismondo, infatti, il complesso situato in piazza Bianca Maria Visconti apre le porte ai cremonesi e ai turisti anche per quanto riguarda il monastero e quelle parti della chiesa che solitamente sono soggette alla clausura. L’accesso al coro della chiesa, al chiostro e all’attiguo refettorio lunedì 1° maggio sarà possibile dalle 9 alle 10.30 e dalle 14 alle 17.30. La prossima apertura al pubblico del presbiterio, del chiostro e del refettorio avrà luogo a settembre, nell’anniversario della dedicazione della chiesa.

L’attuale chiesa di S. Sigismondo sorge sull’area di una chiesa precedente nella quale si sposarono il 25 ottobre 1441 Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza, duca di Milano. Circa venti anni dopo, il 20 giugno 1463, a ricordo del matrimonio che ha unito le casate dei Visconti e degli Sforza, Bianca Maria fa iniziare la costruzione dell’attuale chiesa, con annesso monastero, affidato dal 1461 ai monaci Girolamini. Soppresso il monastero alla fine del XVIII secolo, la chiesa divenne parrocchiale. Dal 2007 è tornata chiesa monastica e vede la presenza di una comunità di monache domenicane.

© Riproduzione riservata
Commenti