Commenta

La tromba di Morricone e
Tarantino arriva a Cr Musica:
Nello Salza fra i super-ospiti

La sua tromba ha suonato alcune delle musiche più indimenticabili del grande cinema italiano e straniero: da C’era una volta in America di Leone a Gli Intoccabili di De Palma, da La leggenda del pianista sull’oceano e Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore, a La Vita è Bella di Benigni, fino al recente trionfo di The Hateful Eight di Tarantino (premio Oscar 2016 come miglior colonna sonora, firmata da Morricone). Nello Salza è il trombettista compreso fra gli ospiti che saranno presenti all’edizione 2017 di Cremona Winds, branca dedicata agli strumenti a fiato dell’esposizione Cremona Musica International Exhibitions in programma dal 29 settembre al 1°ottobre a CremonaFiere. Salza a Cremona sarà protagonista di una masterclass e un concerto.

Sterminata la produzione della grande “tromba del cinema italiano” – come è stato soprannominato ormai da molto tempo – dato che le sue note risuonano in qualcosa come 400 colonne sonore di film internazionali. È il trombettista favorito del maestro Ennio Morricone, col quale ha collaborato per 250 pellicole. Eppure Morricone è solo il più rappresentativo fra una lista di compositori coi quali Salza si è trovato a lavorare dall’inizio degli anni Ottanta a oggi: i nomi sono quelli di Nicola Piovani, Riz Ortolani, Armando Trovajoli, Luis Bacalov.

Salza è nato a Sutri nel 1963 esordendo poi come prima tromba del Teatro San Carlo di Napoli e poi del Teatro dell’Opera di Roma. Salza ha raccontato nel corso di un’intervista a Repubblica l’incontro con Morricone, avvenuto nel 1984 per una coincidenza del destino e in occasione delle registrazioni per C’era una volta in America. «Quel giorno – ha spiegato Nello Salza – mancava un collega e, tramite l’Unione musicisti di Roma, fui chiamato io. Iniziò così il mio rapporto col maestro».

Cremona Musica – entro la quale si colloca Cremona Winds – è la manifestazione dedicata agli strumenti musicali di alta qualità più importante in Europa, ed è l’unica fiera italiana nel suo genere. La nuova edizione della manifestazione si terrà a CremonaFiere, il quartiere fieristico della città di Stradivari, nota in tutto il mondo per l’antica tradizione liutaria e la storica vocazione per le sette note.

A Cremona gli strumenti a fiato hanno trovato un prezioso riferimento fieristico di respiro europeo: per realizzare questo ambizioso ma concreto progetto, CremonaFiere si avvale dal 2016 della collaborazione di realtà importanti e consolidate come l’Accademia Italiana del Clarinetto e l’Associazione Flautisti Italiani. I due responsabili di queste realtà, i maestri Piero Vincenti e Salvatore Lombardi, portano un grande contributo artistico e culturale con masterclass, concerti e tavole rotonde che vedono la partecipazione di artisti di primo piano a livello internazionale.

© Riproduzione riservata
Commenti