Commenta

Ondate di calore, sono
19.641 i cremonesi a rischio:
scatta il Piano dell'Ats

Sono 19.681 i cremonesi a rischio alla luce dell’ondata di calore prevista per i prossimi giorni, con temperature che potrebbero superare i 35 gradi. Per lo più si tratta dellapopolazione geriatrica con età >74 anni. L’esistenza, in questa fascia di popolazione, di patologie croniche, l’assunzione di farmaci particolari o situazioni sociali di isolamento e deprivazione “rendono alcuni soggetti anziani particolarmente vulnerabili a qualsiasi insulto esterno, quindi anche climatico come le onde di calore” fa sapere l’Ats Valpadana, che nei giorni scorsi ha approvato il Piano per la gestione delle emergenze in caso di elevate temperature ambientali.

I soggetti a rischio si suddividono tra quelli a rischio basso (8.825 persone), quelli a rischio medio (8.355), a rischio alto (2.436) e a rischio molto alto (65). La popolazione anziana istituzionalizzata in Rsa, circa 7000 soggetti, è stata esclusa dall’analisi in quanto “ritenuta sufficientemente protetta”.

Il Piano prevede iniziative da attuare nel periodo estivo (1 giugno – 15 settembre) cosicché l’Ats possa   essere punto di riferimento per l’invio delle previsioni d’allarme delle condizioni climatiche a tutti gli utenti locali; dare informazione e diffusione di consigli utili per evitare danni alla salute derivanti dall’esposizione ad elevate temperature, in particolare a categorie a rischio; assicurare informazioni telefoniche sui servizi e percorsi d’accesso; per gli anziani creare rete tra le istituzioni, monitorare le persone a domicilio, individuare i soggetti con più alto livello di rischio.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti