Commenta

CCIAA: 'Attenzione a richieste
di pagamento con bollettini
postali da privati. Noi estranei'

La Camera di Commercio di Cremona segnala che stanno pervenendo alle imprese bollettini postali con richieste di pagamento formulate in modo ingannevole: all’apparenza sembrano comunicazione ufficiali della Camera di Commercio ma si tratta, invece, di proposte commerciali da parte di soggetti privati per l’erogazione di servizi non meglio definiti.
In particolare si avverte che eventuali richieste per versamenti relativi all’iscrizione a Repertori, Elenchi, Annuari, etc. oppure al “Repertorio Analitico delle Attività del Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura della Comunità Europea” non riguardano per nessun motivo il pagamento del diritto annuale che può essere effettuato unicamente tramite il modello di pagamento F24.
Le Camere di Commercio non inviano mai bollettini di conto corrente postale per richiedere alle imprese il pagamento del diritto annuale e sono pertanto completamente estranee a tali iniziative che non riguardano in alcun modo gli adempimenti previsti per legge nei confronti del Registro Imprese.
Si ricorda a tal proposito che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha pubblicato il vademecum “Io non ci casco!” dove sono elencati sistemi per difendersi dalle indebite richieste di pagamento. Il vademecum è concepito come strumento divulgativo a favore delle imprese, affinché esse siano informate e in grado di proteggersi dai tentativi di raggiri commerciali nei loro confronti.
In caso di dubbio, prima di pagare si suggerisce di telefonare alla Camera di Commercio (0372/490256) , alle Associazioni di categoria o al proprio consulente fiscale.

© Riproduzione riservata
Commenti