I commenti sono chiusi

L'attaccante italo-uruguaiano
Pablo Granoche vicinissimo
ai colori grigiorossi

E’ Pablo Granoche il nome che i tifosi grigiorossi attendevano di conoscere in queste ore. Secondo le ultime indiscrezioni l’attaccante Italo-Uruguaiano ex Spezia dovrebbe essere ormai vicinissimo ai colori grigiorossi. El diablo, 34 anni a settembre, ha segnato nel campionato italiano la bellezza di 105 reti tra serie A, serie cadetta e coppe, non a caso la Cremonese era già stata sulle sue tracce la scorsa stagione, ma di sicuro non era facile convincere un attaccante del suo calibro a scendere di categoria. Lo scorso anno, dopo un inizio di campionato un po’ in sordina, è letteralmente esploso da novembre in avanti andando a segno 12 volte. Seconda punta di ruolo, destro di piede, ha un grande fiuto per il gol: segna di destro, di sinistro, di testa e su rigore. Una versatilità che di sicuro diventerà preziosa per il campionato della Cremonese. La trattativa condotta dal DS Giammarioli è stata lunga e difficile e solo nelle ultime ore sembra finalmente essersi sbloccata positivamente. Se tutto andrà come deve, l’attaccante dovrebbe unirsi al gruppo da martedì. A buon punto anche tutta una serie di trattative a partire da Alberto Almici, terzino destro dell’Atalanta; Francesco Renzetti del Genoa, Marco Romizi del Bari e Gaetano Castrovilli della Fiorentina. Intanto spunta il nome del portiere Luca Mazzoni ex Livorno, ora svincolato che potrebbe essere affiancato a Nicola Ravaglia. In alternativa piace anche Samir Ujkani, albanese 29enne di proprietà del Genoa, l’anno scorso a Pisa. Anche in difesa c’è un ballottaggio tra Mantovani, Scognamiglio e Blanchard, ma la linea della Cremonese è netta, verrà chi accetterà i parametri stabiliti dalla società. Intanto sul fronte della rosa grigiorossa, Matteo Procopio resterà ancora un anno a Cremona con prestito con diritto di riscatto. Mentre sono in partenza Baschirotto, verso il sudtirol, Abed e Ciccone verso Gubbio e Gambaretti verso Bassano.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti