Commenta

La Cremo vince
in casa contro
Avellino per 3-1

Foto Sessa

Fotoservizio Francesco Sessa

Cremonese – Avellino 3-1

CREMONESE (4-3-1-2): Ravaglia; Almici, Canini, Claiton, Renzetti; Cinelli, Pesce, Croce (dal 39’st Cinelli); Piccolo (dal 15’st Castrovilli); Brighenti (dal 28’st Marconi), Mokulu. All. Tesser

A disposizione: Daversa, Procopio, Salviato, Cavion, Paulinho, Scappini, Perrulli, Scarsella, Garcia Tena.

Avellino (4-4-1-1): Lezzerini; Migliorini, Ardemagni, Di Tacchio, Molina; Lasik (dal 8′ st Castaldo), Paghera (dal 42’st Asencio), Morosini (dal 18’st Camara), Suagher; Laverone; Rizzato. All. Novellino

A disposizione: Iuliano, Pozzi, Pecorini, Marchizza, Moretti, Kresic, Falasco, Ngawa, 

Gol: 20′ Rizzato (a), 22′ Morosini, 32′ Mokulu, 48’st Castrovilli

Ammoniti: Molina, Camara

Corner: Cremonese 4, Avellino 2

Arbitro: Davide Ghersini di Genova coadiuvato dagli assistenti Rossi di La Spezia, Imperiale di Genova, quarto ufficiale Pillitteri di Palermo

Seconda giornata di campionato, per la Cremonese è la prima allo Zini, in uno stadio completamente rinnovato. La risposta dei tifosi è stata immediata in una sud gremita e festosa. All’ingresso delle squadre in campo la curva Erminio Favalli ha srotolato un bandierone grigiorosso che ha coperto tutta la curva e che poi ha lasciato il posto a centinaia di cartelli bianchi con scritto Cremona e uno striscione al centro che recitava “nel nome di Cremona”.

Qualche cambio per Tesser rispetto alla prima di campionato. Non c’è Ujkani impegnato in nazionale, al suo posto Ravaglia, sulla destra c’è Almici, rientrato dalla squalifica, dietro alle punte l’ultimo arrivato in rosa, Antonio Piccolo. Le squadre si studiano nei primi minuti senza grandi emozioni. Al 19′ Molina reclama una trattenuta in area ma l’arbitro fa proseguire. Neanche un minuto dopo la Cremonese va in vantaggio grazie ad una splendida giocata di Croce; il pallone finisce in rete toccato da Rizzato.

L’Avellino però rimette subito tutto in parità con Morosini che imbeccato da Ardemagni trova il corridoio giusto dalla distanza. Al 25′ anche la Cremonese protesta per un intervento di mani in area di Rizzato, ma anche in questo caso il direttore di gara non interrompe il gioco. Cremonese di nuovo in vantaggio al 32′ con Mokulu che insacca di testa una respinta corta del portiere. Nel finale di tempo Almici resta a terra toccato duro da Di Tacchio. Cremonese in 10 durante il minuto di recupero e poi squadre negli spogliatoi con la Cremonese in vantaggio. 

Secondo tempo – Rientra al suo posto Almici dopo la botta al ginocchio rimediata nel primo tempo. La Cremonese gestisce il vantaggio ma senza risparmiare incursioni in avanti. Al 7′ bellissima azione della Cremonese dalla sinistra culminata con un tiro di Piccolo su cui Lezzerini interviene a terra. Partita molto combattuta con la Cremonese che chiude tutti i varchi all’Avellino che non riesce ad impensierire Ravaglia. Prestazione generosissima dei grigiorossi che lottano su tutti i palloni. Brivido al 42′ per un gran tiro di Castaldo che sfiora il palo.

Avellino che trova la rete nel primo minuto di recupero ma l’arbitro fischia il fallo si Asencio sul portiere Ravaglia. Sul rovesciamento di fronte una azione personale di Castrovilli, che supera due avversari e trova l’angolino, mette di fatto fine alla gara. 3 a 1 per una bellissima Cremonese che vince all’esordio casalingo davanti a 6.662 spettatori.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti