Commenta

Corso Superiore di Pasticceria
all'Alma di Gualtiero Marchesi:
il miglior diplomato è cremonese

I 40 studenti sono stati giudicati da una commissione d'esame di assoluta eccellenza, che ha visto la partecipazione straordinaria, tra gli altri, di due "mostri sacri" della pasticceria, come Iginio Massari e Gino Fabbri.

 

Si è conclusa la XXVI edizione del Corso Superiore di Pasticceria, promosso da ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana. Dopo un percorso formativo della durata di sette mesi, 40 candidati – 28 ragazze e 12 ragazzi – hanno affrontato il giudizio della commissione d’esame per conquistare il titolo di Professionista di Pasticceria Italiana. A valutare i candidati sono stati Maestri come Iginio Massari, la cui Pasticceria “Veneto” a Brescia si conferma da anni la migliore in assoluto in Italia secondo gli esperti della Guida “Pasticceri & Pasticcerie” del Gambero Rosso, e Gino Fabbri, Pasticceria “La Caramella”di Bologna.

Accanto a loro e allo staff dei docenti ALMA, coordinato dal Direttore Didattico Matteo Berti, da segnalare la presenza dello chef Paolo Sacchetti, Pasticceria “Nuovo Mondo”, di Lucca Cantarin, Pasticceria “Marisa”, medaglia di bronzo alla Coupe du Monde de la Pâtisserie 2013, e di Luca Sacchi, sous chef del Ristorante “Cracco”.

Migliori studenti della XXVI edizione del Corso Superiore di Pasticceria sono risultati Luca Federici e la molisana Roberta Vizzari. Luca Federici, abita a Gussola, ha 26 anni e partendo dal Corso Tecniche di Pasticceria e arrivando al top del Corso Superiore di Pasticceria, è riuscito a ritagliarsi uno stage presso la Pasticceria “Veneto” del Maestro Iginio Massari.

Tra i 40 diplomati del Corso Superiore di Pasticceria, figura anche Lara Gaboardi, 20 anni, di Sesto ed Uniti.

 

© Riproduzione riservata
Commenti