Commenta

Bomba a Brescia, domenica
i Guastatori cremonesi
impegnati nel disinnesco

Foto di repertorio

Gli artificieri del Genio guastatori del X reggimento di Cremona saranno impegnati domenica a Brescia per la bonifica di un ordigno esplosivo della seconda guerra mondiale, rinvenuto lo scorso 4 luglio. L’operazione comporterà l’evacuazione temporanea di 1.500 cittadini bresciani, tra i quartieri Primo Maggio e Chiesanuova. Essendo la zona, attraversata dai binari della ferrovia Milano-Venezia, l’operazione comporterà anche modifiche alla circolazione (e ritardi fisiologici) sia per i treni regionali sia per le frecce, dalle 9 alle 13.

L’ordigno pesa oltre due quintali e contiene 113 chilogrammi di esplosivo. Gli artificieri cremonesi dovranno togliere la spoletta, in modo da disinnescare la bomba, probabilmente sganciata sulla città da bombardieri americani. Nell’eventualità che ci fosse una deflagrazione, i soldati hanno comunque predisposto una struttura di contenimento, formata sostanzialmente da grossi cubi riempiti di sabbia o materiale inerte.

Come ha spiegato il capitano dell’Esercito Antonio Asciolla, la rimozione della “spoletta” dovrebbe rendere inoffensiva la bomba: mancherebbe di fatto l’innesco. Successivamente, ma sempre in mattina, l’ordigno verrà trasferito in una cava di Calcinato per essere fatto brillare.

© Riproduzione riservata
Commenti