Commenta

Il 24 settembre la Festa
del Volontariato torna
ad animare il centro di Cremona

Da sinistra: Polenghi, Reali, Viola, Monterosso

Ben 137 sono le associazioni che domenica 24 settembre saranno protagoniste della XXVI edizione della Festa del Volontariato, in programma dalle 10 alle 19 tra piazza del Comune e piazza Stradivari. Tema di questo appuntamento è ‘La città accogliente: azioni & relazioni per il bene comune’, con l’invito a “costruire la città del noi”. Si tratterà di una festa particolarmente blindata: come previsto dalle normative nazionali, per ogni evento che si svolge in aree pubbliche, infatti, è prevista la posa dei blocchi di cemento a chiudere gli ingressi e una sorveglianza speciale da parte delle forze dell’ordine.

“Siamo soddisfatti perché la partecipazione a questa iniziativa è sempre molto ampia, come abbiamo avuto modo di vedere anche durante le fasi preparatorie” ha detto Giorgio Reali, presidente del Cisvol di Cremona, durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento. “Non possiamo avere una città accogliente se noi per primi non accogliamo. Il volontariato deve però essere un valore aggiunto all’attività delle istituzioni e non sostituirsi ad esse”.

Tante le iniziative in programma. Innanzitutto la festa quest’anno raccoglie diversi temi: beni comuni, quartieri e comunità, carcere e territorio, le nuove forme di volontariato, città accogliente e inclusiva, giovani nelle città, sostenibilità e stili di vita. Tutti temi che si incontrano anche in progetti come ExSportAbile, Fare Legami e Re-Start, ma anche nelle attività dei comitati di quartiere e nella campagna Ero Straniero.

“Quest’anno la festa ha un significato particolare” ha commentato Daniela Polenghi, presidente del Forum del Terzo Settore. “Per la prima volta sarà caratterizzata da misure di sicurezza eccezionali, ma questo non frena la voglia di condivisione da parte di tutti”. Importante anche la ” grande partecipazione da parte dei giovani”.

Soddisfazione anche da parte dell’assessore alla Trasparenza e Vivibilità Sociale, Rosita Viola, che sottolinea il “grande impegno da parte del Comune”. Lo slogan scelto per la manifestazione, evidenzia l’assessore, “non è retorico: bisogna tornare a utilizzare questa parola, noi. Bisogna riannodare i fili per riconoscersi con valori condivisi e in un percorso di coesione che ci porta a essere una comunità. Ma soprattutto che ci porta all’accoglienza dall’altro con tutte le sue diversità”.

La giornata aprirà verso le 10 in piazza Stradivari, con il concerto del compleso bandistico Città di Cremona. Alle 12.30 nell’area ristorazione solidale appuntamento con lo Show Cooking ‘I buoni di Cà del Ferro e Chic For Charity”, con gli chef Alessandro Bellingeri, Roberto Rossi, Giuseppe Cereda e Andrea Incerti dell’associazione Chic. Alle 16 in piazza del Comune si terrà una performance musicale a cura di Crasi, mentre tra le 16.45 e le 18 nelle vie del centro ci sarà la sfilata della Filarmonica Castiglionese, che concluderà con un concerto finale in Cortile Federico II: ‘Il giro del mondo in 80mila note’. Alle 18.15 in piazza del Comune ci sarà la distribuzione della ‘Polenta Pedalata’ a cura di FareLegami, mentre alle 18.30 in Cortile Federico Secondo la giornata si concluderà con il concerto del coro Costanzo Porta ‘La musica della vita’. Ma tante saranno anche le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il giorno.

IL PROGRAMMA COMPLETO

LE ASSOCIAZIONI PRESENTI

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti