3 Commenti

Vandali al Boschetto: pezzi di vetro
nei parchi gioco, residenti esasperati
'Dialogo inutile, servono i poliziotti'

AGGIORNAMENTO  – Ecco in che condizioni i residenti del Boschetto hanno trovato questa mattina il parco degli Alpini del quartiere. Bottiglie rotte in corrispondenza di tutti i giochi, in particolare lo scivolo, e frammenti di cocci nascosti in mezzo all’erba, molti di essi resteranno ‘invisibili’ a lungo, con aumento del pericolo soprattutto per i piccoli frequentatori del giardino. Rabbia e preoccupazione, questa mattina, per chi è trovato davanti questo scenario, si pensa ad un atto di deliberato vandalismo. Subito si sono messi all’opera mamme, papà, nonni e nonne per ripulire tutta l’area, senza attendere l’intervento della nettezza urbana. L’intenzione dei residenti,  è di richiedere al Comune la sorveglianza notturna.

Non è la prima volta che i parchi giochi del Boschetto – Migliaro vengono presi di mira. Appena pochi giorni fa, il 30 settembre, era stata la volta dell’area verde in via Verdello, dove erano stati messi cocci di vetro sia sui giochi sia tra i sassi del sottofondo. Entrambi i parchi erano stati oggetto di manutenzione, ritinteggiatura e risistemazione delle panchine, da parte del comitato di quartiere in collaborazione con residenti ed alcuni immigrati nello scorso mese di luglio. Comprensibilmente esasperati i residenti, a cui dà voce il presidente del comitato di quartiere, Gianrosario Tamburini, con un comunicato giunto in serata:

“Gli atti di vandalismo nei due parchi del quartiere Boschetto di via Verdello e piazza degli Alpini hanno superato ogni limite di sopportazione. Se prima i fattori critici si limitavano all’adunata di ragazzi con schiamazzi e cori da stadio oltre gli orari civilmente consentiti, cioè dopo la mezzanotte, e abbandono di rifiuti, ora con preoccupazione sono da segnalare i danneggiamenti al bene comune dei parchi gioco.

Rompere bottiglie di birra sui giochi dei bimbi non può che essere interpretato come vandalismo intenzionale che mette seriamente a repentaglio, anzi di fatto impedisce l’uso dei suddetti giochi fino ad una loro accurata ripulitura e risistemazione. Genitori della scuola sia elementare che materna che conoscono alcuni dei protagonisti hanno civilmente tentato un dialogo e consiglieri del comitato di quartiere in più occasioni hanno avvicinato ragazzi nell’intento di cercare una linea moderata e di compromesso fra il divertirsi e il diventare vandali. Purtroppo visti negli ultimi giorni i risultati di degrado molto più gravi del passato, da più parti si fa strada l’idea che possa trattarsi di nuovi arrivati da altre zone della città. La popolazione residente è esasperata perché vive un senso di abbandono da parte dell’ordine costituito.

Sono state fatte ripetute segnalazioni anche tramite WhatsApp al Gruppo di vicinato e molti residenti hanno telefonato alla polizia locale richiedendo interventi che sono stati tempestivi per via Verdello ma poco efficaci per episodi verificatesi oltre le ore 24 in piazza degli Alpini quando solo la Polizia di stato potrebbe intervenire.

I due parchi gioco ormai debbono essere inseriti nelle aree sensibili della questura ed essere oggetto di sistematici controlli e verifiche notturne soprattutto nei weekend da parte della polizia locale e/o di stato a seconda delle competenze organizzative e regolamentari”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • brontolo

    Queste nn sono ragazzate ma atti di vandalismo gratuiti da parte di persone stupide e ignoranti che potrebbero avere conseguenze anche fisiche nei confronti dei frequentatori del parco…gli addetti alla pubblica sicurezza ovviamente nn possono essere sempre presenti…quindi nn abbiate timore a chiamare polizia e carabinieri al bisogno!!!prima o poi la smetteranno sentendosi sotto pressione..o almeno ci si prova

  • coD77

    La mamma dei cretini è sempre incinta

  • Gianluca

    I parchi devono essere tutti recintati. Dal più piccolo al più grande. Si aprono ad una certa ora e si chiudono alla sera. Ai cretini può fregare nulla della chiamata alle forze dell’ordine.