Commenta

Tariffa puntuale
a Boschetto e Migliaro,
positivi i primi dati

Presentazione dei dati complessivi relativi al primo semestre della raccolta differenziata porta a porta e primi dati sulla sperimentazione della tariffa puntuale nei quartieri Boschetto e Migliaro. Questi gli argomenti all’ordine del giorno della riunione dell’Osservatorio Rifiuti, tenutasi nel pomeriggio di mercoledì nella Sala Quadri di Palazzo Comunale, coordinata dall’assessore all’Ambiente Alessia Manfredini, presenti, tra gli altri, Primo Podestà e Giovanni Damiani, rispettivamente direttore generale e responsabile del Servizio di Igiene Ambientale di Linea Gestioni, Mara Pesaro, dirigente del Settore Area Omogenea e Ambiente del Comune, e Cinzia Vuoto, responsabile del Servizio Ambiente ed Ecologia del Comune. Si tratta della quinta seduta di questo organismo, voluto dall’Amministrazione comunale nel 2015 per monitorare il progetto di estensione della raccolta differenziata porta a porta e rendicontare le attività svolte in merito all’economia circolare.

Come emerso nel corso della riunione, a due anni di distanza dall’estensione a tutta la città del servizio, la percentuale di differenziata ha superato il 72%, con una riduzione significativa dei rifiuti indifferenziati. Si tratta di un risultato, come ha sottolineato l’assessore Alessia Manfredini, il cui merito va soprattutto ai cittadini che hanno dimostrato una notevole sensibilità civica ed ambientale. Infatti, nel 2015 i chilogrammi totali di rifiuti prodotti sono stati 37.355.139 di cui 14.622.050 indifferenziati e 22.733.089 differenziati (60,86), nel 2016 sono stati 36.624.591, indifferenziati 10.212.515 e 26.412.076 differenziati (pari al 72,12%), al 30 settembre 2017 i rifiuti prodotti complessivamente sono pari a 27.106.521 (7.458.777 indifferenziati e 19.647.744 differenziati) con una percentuale del 72,48.

Fatta questa disanima, sono stati resi noti i primi dati sulla sperimentazione di misurazione del secco, avviata lo scorso 7 settembre al Boschetto e al Migliaro, con l’obiettivo di prevenire e ridurre la produzione di rifiuti non riciclabili, consentendo di testare un sistema di misurazione puntuale del secco così da iniziare ad individuare future azioni per l’introduzione della cosiddetta tariffa puntuale. Tremila circa i cittadini coinvolti, 70 le utenze campione fornite di specifici sacchi numerati: in questo modo è stato possibile fare un conteggio delle esposizioni effettuate. Ad un mese e mezzo di distanza il bilancio si può considerare positivo in quanto è stata riscontrata una riduzione del secco del 35% con un incremento dell’8% di raccolta differenziata che è così passata all’89.02%. “Lo si può considerare un buon risultato”, ha dichiarato l’Assessore Alessia Manfredini, che ha rimarcato la disponibilità dimostrata dai residenti, nonché la fruttuosa collaborazione del Comitato di quartiere che ha favorito l’avvio di questa buona pratica.

La sperimentazione in corso al Boschetto e al Migliaro si concluderà il 30 novembre. I dati complessivi dell’iniziativa, comprensivi del numero di esposizioni e di eventuali sacchi aggiuntivi richiesti rispetto alla dotazione standard, saranno resi noti in una successiva occasione.

Si è parlato infine della raccolta del verde. Linea Gestioni e Comune, analizzate le richieste pervenute nelle scorse settimane, hanno concordato di fare una specifica comunicazione sull’argomento nei prossimi giorni.

© Riproduzione riservata
Commenti