Cronaca
Commenta

Croce Rossa Cremona: verso le elezioni e in via Persico presto nuovo ambulatorio

La Croce Rossa di Cremona ha definitivamente abbandonato la vecchia storica struttura del Foro Boario insediandosi nei più grandi e confortevoli locali degli ex uffici operativi dell’Enel di fronte alla “Fonte Persico” in via Persico al civico 40-A. Proprio in questa struttura verrà realizzato un ambulatorio al servizio di tutti.

Domenica 3 dicembre sarà una giornata molto importante per la Croce Rossa Italiana comitato di Cremona. Si svolgeranno le elezioni del nuovo consiglio direttivo che rimarrà in carica 4 anni. Domenica 19 sarà il termine ultimo per presentare le liste e candidature e sembra che qualcosa si stia muovendo anche se poi il tutto potrebbe confluire in un solo elenco. Attualmente il sodalizio vanta 252 “soci” coordinati da Giorgio Andrusiani (ha sostituito “in corsa” il presidente dimissionario per problemi familiari Arnaldo Romanenghi ), che terminerà l’incarico appunto il 3 dicembre. Con la riforma del terzo settore la Croce Rossa di Cremona è una “onlus speciale” visto che è stata privatizzata perdendo la sua funzione pubblica. Praticamente non vi sono più la sezione femminile ed i pionieri (ora inquadrati come “giovani” sino a 28 anni) e la parte del “corpo militare” è passata al ministero della Difesa. Sono rimasti i volontari, perno principale di tutta l’attività. Il consiglio sarà composto dal presidente e da tre consiglieri di cui un membro deve essere donna. Ci sarà il rappresentante dei Giovani designato a parte. La Croce Rossa di Cremona ha definitivamente abbandonato la vecchia storica struttura del Foro Boario insediandosi nei più grandi e confortevoli locali degli ex uffici operativi dell’Enel di fronte alla “Fonte Persico” in via Persico al civico 40-A. Proprio in questa struttura verrà realizzato un ambulatorio al servizio di tutti. Questa è una novità molto importante e che sicuramente sarà ben accetta dalla cittadinanza. La Croce Rossa comitato di Cremona intende avere uno stretto legame con la città mettendo a disposizione i suoi innumerevoli servizi tutti efficienti e ben curati nei particolari e di qualità. Non solo quello dei trasporti e soccorsi con le ambulanze ma anche il TeleSoccorso collegato direttamente alla centrale operativa 24 h che sta crescendo sempre più nei numeri di utilizzo dagli utenti, trasporto infermi, assistenza sanitaria a manifestazioni sportive, manovre salvavita pediatriche (nuovo corso dal 1 dicembre) , corsi di primo soccorso ed uso defibrillatori. Lo scopo principale è migliorare lo stato di salute delle persone, proteggere la vita e fornire supporto socio-sanitario alle comunità che dovranno essere più sicure attraverso la promozione della salute. Assicurare l’acquisizione di competenze da parte della comunità per proteggere la propria vita e quella degli altri. Ricordiamo che in provincia di Cremona esistono quattro sezioni ben definite ed indipendenti una dall’altra: a Cremona Crema, Pizzighettone e Casalmaggiore.

Marco Ravara

© Riproduzione riservata
Commenti