Cronaca
Commenta3

Per il Natale protagonisti luci, Gusto e le vetrine d'autore del Laboratorio del Cotto

Una città più illuminata anche in alcune vie di solito escluse dai festoni natalizi e vetrine dei negozi sfitti ravvivate con le opere del Laboratorio del Cotto. Sono alcune delle novità organizzate per il Natale 2017 da Comune e associazioni di categoria, preannunciate questo pomeriggio dall’assessore Barbara Manfredini, in Commissione Commercio, presieduta da Paolo Carletti. Le iniziative di animazione della città riguarderanno il periodo dal 2 dicembre al 7 gennaio. Tra le vie meno centrali che quest’anno saranno illuminate, ci saranno via Ghinaglia e via Brescia oltre ad altre in corso di definizione. La partecipazione di Cremona alla regione europea della gastronomia, che ha costellato di eventi l’intero anno,  troverà spazio anche negli eventi del Natale, con l’individuazione del Gusto come tema portante delle iniziative. “Ormai Cremona – ha spiegato Manfredini – vanta una consolidata fama nel settore gastronomico, penso alle tante iniziative a cui partecipiamo sia coi prodotti della tradizione, sia con quelli Igp. Ci sembrava naturale trasferire questa esperienza anche nel cartellone delle iniziative natalizie”. Saranno così sperimentati gli aperitivi di gusto, con il coinvolgimento dei pubblici esercizi che proporranno degustazioni a base di prodotti tipici, e ci saranno anche dei ‘box degustazione’ offerti dai negozi alla clientela.

Sul fronte dell’arredo urbano non è stato anticipato molto: abete in piazza del Duomo, come avviene ormai da qualche anno e alberelli in periferia, mentre per il momento non si è fatto cenno ad alberi di natale sui corsi dello shopping. Le gallerie, punto dolente dell’arredo urbano in centro storico, cercheranno una nuova visibilità con l’allestimento di alcune vetrine vuote che diventeranno ‘vetrine d’autore’: l’anno scorso erano state esposte opere di fotografi cremonesi, quest’anno ci saranno invece i manufatti conservati e realizzati dal Laboratorio del Cotto, l’associazione con sede al piano terra della media Anna Frank che da anni lavora per mantenere viva una tradizione che ha segnato la storia economica ed artistica di Cremona fino alla metà del secolo scorso, ed oggi totalmente da riscoprire.
Galleria del Corso e galleria 25 aprile saranno oggetto di particolari attenzioni; nella bacheca della prima, dove ormai sopravvivono tre attività soltanto,  sono state esposte le locandine della mostra del Genovesino in corso in pinacoteca. Coupon della mostra saranno distribuiti in tutti i negozi.
Già note le facilitazioni per la sosta: nei parcheggi Saba si pagherà solo un’ora sola su due; in quelli dell’Aem sarà gratis l’ultima ora pomeridiana. Gratuiti gli stalli di viale Trento e Trieste al sabato pomeriggio. Nulla per ora si sa delle animazioni, tranne che anche quest’anno si terrà la festa di Capodanno in piazza Stradivari. Un tema a cui si è agganciato il consigliere di FI Giorgio Everet: “Visto che nessuno rispetta il divieto dei botti, quest’anno evitate l’ordinanza sindacale, l’anno scorso era assurdo vedere il sindaco sul palco e a pochi metri i petardi che esplodevano”. Una proposta piaciuta al presidente di commissione Carletti.

Ad inizio seduta si è anche parlato di un’integrazione al regolamento per i circhi, introducendo quanto previsto dal regolamento per il benessere animale approvato la scorsa primavera, nel quale vengono vietati sul territorio comunale gli spettacoli che prevedono l’utilizzo di una serie di animali. Unico contrario, l’assessore di Obiettivo Cremona Lugi Amore: “In questo 2017 abbiamo passato più tempo a discutere del benessere animale che di quello delle persone”.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti