2 Commenti

Istat-Aci: diminuiscono gli
incidenti mortali, un terzo
avviene sulle strade urbane

Foto di repertorio

Più incidenti sulle strade urbane che non su quelle extraurbane e netta prevalenza di uomini tra chi rimane ferito negli incidenti stradali, per tutte le fasce d’età e in particolare in quella con il numero di collisioni più rilevante, tra i 30 e i 54 anni, con 377 maschi feriti sulle strade cremonesi nel 2016, contro 266 femmine. Sono alcuni dei dati che emergono dalla rielaborazione del Corriere della Sera  Motori sui dati Istat – Aci pubblicati qualche settimana fa. Nel 2016 sulle strade cremonesi gli incidenti stradali hanno coinvolto nel 69,31% dei casi delle autovetture, per il 12,62% biciclette e per il 6,98% veicoli industriali. Seguono altre categorie, in primis motociclette (6,19%), e poi ciclomotori (2,62) e autobus (0,30). In tutto, 2020 veicoli, con prevalenza delle automobili, 1400. Contrariamente a quello che si può pensare, sono le strade urbane a rivelarsi più pericolose: 664 incidenti sono avvenuti all’interno dei centri abitati, 186 lungo strade extraurbane secondarie e 210 su strade extraurbane principali; 20 in autostrada. Un rapporto che cambia leggermente se si considerano solo gli incidenti mortali: 4 sulle strade urbane, e 7 su strade extraurbane in generale, con un solo caso in autostrada (dati sempre riferiti al 2016).

La serie storica 2012 – 2016 evidenzia una diminuzione dei morti sulle nostre strade: erano stati 39 nel 2012 in altrettanti incidenti, 25 nel 2013 (22 incidenti); 20 nel 2014 (19 gli incidenti), 29 nel 2015 (27 incidenti) e sono stati 13 nel 2016, lo stesso numero degli incidenti. Stabile invece il numero di incidenti in generale, si viaggia attorno ai 1.100 negli ultimi tre anni anni (2014 – 2016), con un numero di feriti in leggera diminuzione, dai 1.616 contati nel 2014 ai 1.574 del 2015.

g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Simone

    In città la guida risulta essere più distratta: cellulare, ci si guarda attorno per impicciarsi dei fatti altrui o per vedere addirittura le vetrine dei negozi, alla ricerca di un parcheggio che quando lo si trova ci si butta senza pensare se sta sopraggiungendo qualcuno… Mentre in autostrada data la velocità maggiore la concentrazione resta un po più alta…

    • Mirko

      Il problema….pochi controlli e troppi rincoglioniti