Commenta

Ancora una magia
di Paulinho, la Cremonese
batte lo Spezia 1-0

Cremonese – Spezia 1-0

Cremonese (4-3-1-2): Ujkani; Almici, Canini, Garcia Tena, Renzetti; Cavion, Arini, Croce; Piccolo (dal 30’st Castrovilli); Brighenti (dal 23’st Paulinho), Mokulu (dal 48’pt Scappini). All: Attilio Tesser.
A disp.: Ravaglia, Marconi, Procopio, Salviato, Pesce, Cinelli, Macek, Perrulli, Scarsella.

Spezia (4-3-1-2): Manfredini; De Col, Capelli, Giani, Lopez; Maggiore, Bolzoni, Pessina; Mastinu (dal 36’st Marilungo); Forte (dal 19’st Ammari), Granoche (dal 32’st Gilardino). All.:Fabio Gallo.
A disp.: Bassi, Ceccaroni, Soleri, Augello, Calabresi, Okereke, Terzi, Vignali, Masi.

Arbitro Fabio Piscopo della sezione di Imperia, coadiuvato dagli assistenti Giovanni Baccini di Conegliano e Andrea Tardino di Milano. Quarto ufficiale è Giampaolo Mantelli di Brescia.

Gol: 42’st Paulinho
Ammoniti: Granoche, Canini, Bolzoni
Corner: Cremonese 13, Spezia 7

Cremonese senza Claiton e Pesce, il primo nemmeno convocato, il secondo in panchina, con Garcia Tena e Cavion chiamati a sostituire gli infortunati, sul fronte opposto la coppia d’attacco Forte-Granoche, sugli spalti il calore del pubblico cremonese. Al 5’ Mokulu ben imbeccato da Piccolo pasticcia in area e viene anticipato dalla difesa ligure. La prima vera occasione del match arriva al 13’, Granoche dal fondo scarica per Maggiore che dal limite scheggia la traversa. Risponde la Cremonese al 14’ con un colpo di testa di Garcia Tena sugli sviluppi di un corner battuto da Piccolo. Manfredini salva in calcio d’angolo. La Cremonese attacca e colleziona corner, Almici ci prova dalla distanza ma il suo tiro è alto. Lo Spezia fatica ad uscire dalla propria metà campo. Al 32’ lo Spezia va vicino al gol con Garcia Tena che salva davanti a Ujkani, un minuto dopo Mokulu aggancia in area un cross di Renzetti, ma incredibilmente spara alto da posizione ravvicinata. Un paio di occasioni per parte e tanto possesso palla per la Cremonese che fa la partita, imposta in avanti ma non riesce a trovare la zampata vincente. Non bastano la fantasia di Piccolo, migliore in campo nella prima frazione di gara, e l’imprevedibilità di Cavion, per imbeccare Brighenti e Mokulu ancora a secco dopo i primi 45 minuti di gara. In pieno recupero si fa male Mokulu che lascia il campo in barella dolorante alla caviglia sinistra. Al suo posto entra a freddo Scappini. Il primo tempo finisce 0 a 0 dopo quasi 5’ di recupero.

Nell’intervallo il riscaldamento di Scappini entrato a rilevare Mokulu. Lo sfortunato attaccante nel frattempo ha lasciato lo stadio in ambulanza per raggiungere l’ospedale per tutti gli accertamenti.
Al 6’ una bella girata al volo di Capitan Brighenti dal limite impegna Manfredini. Al 10’ ci prova Piccolo ma non trova la porta. Al 14’ grandi proteste della Cremonese per un fallo di mano di Giani all’interno dell’area di rigore. Tesser inserisce Paulinho al posto di Brighenti e Castrovilli per Piccolo. Gallo toglie Granoche per Gilardino che entra tra i fischi dei sostenitori grigiorossi. Al 38’ occasione per Paulinho che dalla distanza impegna Manfredini in due tempi. Al 38’ Paulinho e Castrovilli danno spettacolo in area e lo Spezia si salva in corner. C’è solo una squadra in campo e veste i colori grigiorossi, con gli ospiti che si difendono come possono rischiando anche l’autogol con Lopez. Ma poi ci pensa Paulinho a compiere una magia dal centro dell’area girando in rete un pallone imprendibile e portando la Cremonese in vantaggio al 42’. Poi va in panchina a sollevare la maglia numero 14 di Mokulu, un gesto bellissimo per ricordare il compagno trasportato in ospedale al termine del primo tempo. Al 48’ lo Spezia protesta per un gol annullato per fuorigioco sugli sviluppi di un corner. Ma finisce così con una vittoria bellissima, conquistata dopo una bella partita e una prestazione convincente.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti