Cronaca
Commenta5

Fermato alla guida con documenti falsi. Operaio russo arrestato dalla stradale

Un cittadino russo di 43 anni, P.D., residente a Reggio Emilia, operaio, in regola con il permesso di soggiorno, è stato arrestato ieri mattina alle 8,30 dagli agenti della polizia stradale di Cremona. I poliziotti lo hanno fermato al casello di Cremona mentre era a bordo della sua Smart. Si trattava di un controllo di routine. Ma quando l’uomo ha consegnato i documenti, una patente di guida e una carta di identità romena con la sua foto, gli agenti si sono insospettiti. C’erano dubbi sull’autenticità dei documenti. L’uomo è stato fermato e nel frattempo sono scattati i controlli presso il servizio estero romeno per accertare il nominativo, e con l’afis per verificare le impronte. Alla fine è emerso che i documenti erano falsi. In realtà il 43enne non era romeno, ma russo, e girava con documenti falsi in quanto tempo fa gli era stata ritirata la patente. L’uomo, che ha ammesso le sue responsabilità, si è giustificato dicendo che non sarebbe stato in grado di sostenere l’esame della patente in Italia. Oggi il cittadino russo è stato accompagnato in tribunale per essere processato per direttissima. L’udienza è stata poi aggiornata a lunedì. Intanto il giudice lo ha sottoposto alla misura dell’obbligo di firma.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti