Commenta

Masterchef 7: Francesco
Rozza supera anche le
prove della sesta serata

Si è conclusa la sesta serata di Masterchef 7 Italia, andata in onda su Sky Uno HD giovedì 25 gennaio e Francesco Rozza si conferma un osso duro per tutti i suoi rivali. Il 23enne di Ricengo, che si fa apprezzare anche per i modi garbati ed educati, non ha mollato di un centimetro nemmeno ieri sera. La prima prova è stata la consueta Mystery Box, gli aspiranti chef erano chiamati a soddisfare i quattro giudici Antonia Klugmann, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo con dei piatti che dovevano unire ragione e sentimento. La prova è stata vinta da Simone risultato avvantaggiato all’Invention test che vedeva i concorrenti impegnati con ingredienti dalle proprietà benefiche. Lo stesso Simone, però, è risultato tra i peggiori in questo secondo contest ed è stato spedito direttamente al Pressure Test. Rocco, invece, il peggiore in assoluto è stato il primo concorrente eliminato. Italo, il migliore, ha potuto scegliere la sua brigata in esterna, dove i concorrenti hanno dovuto servire gli invitati ad un Bar Mitzvah. La brigata dell’ex comandante ha perso ed è andata al Pressure Test con Simone ma Antonino e Kateryna, i migliori nella prova in esterna, sono stati salvati. Nel duello finale Joayda ha sfidato Italo ed è stata eliminata. Per Francesco quindi, l’avventura continua. Si fa sempre più dura, ma giovedì prossimo sarà ancora su Sky in prima serata a dare battaglia nella cucina di Master Chef. Nella breve presentazione che ha fatto di sé all’inizio del programma Francesco ha detto: “Sono follemente innamorato della mia fidanzata Marianna conosciuta a Rayec durante uno scambio interculturale. Mi definisco una persona buona che non è in grado di dire di no. A volte sono un po’ irascibile e impulsivo. La passione per la cucina nasce sin da bambino mentre guardavo mia nonna cucinare e preparare i ravioli e la faraona. Per buona parte mi ha insegnato mia nonna a cucinare, per il resto mi definisco autodidatta. Il cibo è per me un modo per sfogarmi in senso positivo, visto il mio passato in cui ho avuto qualche problema con il cibo, cucinando e facendo nuovi esperimenti. La mia è una cucina di sperimentazione: mi piace sempre inventare quasi tutto, cercando di oltrepassare il limite dei gusti, spingendo su sapori contrastanti, ma che ben si accostano tra loro”.

© Riproduzione riservata
Commenti