Cronaca
Commenta2

Antagonisti da Cremona nel corteo torinese degenerato in scontri

Provenivano anche da Cremona gli appartenenti ai centri sociali che due giorni fa si sono resi protagonisti dei violenti scontri a Torino tra anarchico insurrezionalisti  e antagonisti da una parte e i neofascisti di CasaPound intervenuti per un comizio di Simone Di Stefano, lo  stesso che domani sarà a Cremona per la campagna elettorale. Un precedente inquietante che crea ancor più tensione in previsione dell’iniziativa politica di domenica a palazzo Cittanova, a partire dalle 15, quando Di Stefano incontrerà i candidati locali. In concomitanza si terrà un presidio antifascista del Csa Dordoni, a poche centinaia di metri, all’angolo corso Campi – via Palestro.

Il legame tra gruppi antagonisti di Cremona e l’ambiente torinese viene citato questa mattina in un articolo della Stampa che rimanda a  fonti investigative locali che dopo i fatti di due giorni fa stanno esaminando i fotogrammi delle telecamere di sorveglianza. Ci sono gli attivisti del centro sociale Akatasuna, che l’altro giorno hanno guidato il corteo, composto da circa 500 persone.  E poi, appunto, volti più o meno noti della galassia antagonista provenienti da vari centri: Pisa, Bologna e, appunto, Cremona. La città lombarda al centro di una rete quantomeno nazionale di movimenti antagonisti, come dimostra anche la presenza a Cremona, nel corteo del 24 gennaio 2015, del siciliano Giovanni Marco Codraro, arrestato la scorsa settimana a Palermo per tentato omicidio nei confronti di un esponente di Forza Nuova.

© Riproduzione riservata
Commenti