Commenta

Chirurgia toracica in due
anni raddoppiato
il numero di interventi

ASST di Cremona e ASST di Mantova si sono unite in un progetto di collaborazione primo in Lombardia, fortemente voluto dai Direttori Generali Camillo Rossi (Direttore Generale ASST di Cremona) e Luca Stucchi (Direttore Generale ASST di Mantova), che vede lavorare in sinergia le Unità Operativa di Chirurgia Toracica del Carlo Poma di Mantova diretta da Giovanni Muriana e quella di Chirurgia Generale di Cremona diretta da Mario Martinotti.

Da quasi due anni, il chirurgo toracico di Mantova Andrea Droghetti e il chirurgo toracico di Cremona Franco Fumagalli eseguono interventi di alta specialità di chirurgia toracica presso l’Ospedale di Cremona.

L’obiettivo è portare la migliore cura delle patologie toraciche vicino al paziente, garantendo, attraverso la condivisione di professionalità ed esperienze, l’impiego delle tecniche chirurgiche più innovative oggi disponibili.
La Chirurgia Toracica dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova è un’indiscussa eccellenza: è infatti fra i primi Centri in Italia per interventi polmonari mini-invasivi. È quanto emerge dal report del Gruppo di Studio Italiano VATS delle attività delle strutture di Chirurgia Toracica accreditate per questo tipo di attività. La classifica è relativa al numero di “Lobectomie Polmonari Video-Assistite” e l’équipe di Mantova vanta oramai una lunga esperienza di interventi eseguiti con questa tecnica innovativa.
Siamo molto soddisfatti di questa attività – spiega il Chirurgo Toracico del Poma Andrea Droghetti – perché riusciamo ad eradicare tumori polmonari attraverso incisioni di pochi centimetri rispetto alle tecniche standard con lunghi tagli, riducendo così ai pazienti dolore post-operatorio, degenze ospedaliere ed esiti chirurgici.”
In meno di due anni sono stati eseguiti anche a Cremona numerosi interventi complessi di chirurgia toracica maggiore con ottimi risultati per i pazienti e grande soddisfazione dell’équipe.
“Una attività sistematica di chirurgia toracica era già presente a Cremona dal 2010 ma gli sforzi congiunti di tutti i partecipanti al team multidisciplinare di Oncologia Toracica hanno consentito di raddoppiare il numero degli interventi effettuati negli ultimi due anni – spiega Franco Fumagalli. E’ inoltre importante sottolineare che la qualità del servizio fornito ed i risultati ottenuti sono paragonabili a quelli delle migliori istituzioni italiane ed estere.”
La collaborazione delle due aziende non riguarda solo i chirurghi, ma interessa tutti i professionisti coinvolti nella patologia toracica: recentemente le ASST si sono munite di programmi informatici che consentono la massima efficienza nella gestione dei casi clinici mediante un approccio integrato dei Gruppi Multidisciplinari delle patologie oncologiche del torace attivi presso le ASST di Cremona e Mantova.

I tavoli multidisciplinari si svolgono settimanalmente con i colleghi della Pneumologia diretta da Giancarlo Bosio, dell’Oncologia diretta da Rodolfo Passalacqua, dell’Anatomia Patologica diretta da Marco Ungari, della Radioterapia diretta da Sandro Tonoli, della Radiologia diretta da Laura Romanini, dell’Anestesia diretta da Vinicio Danzi.

I pazienti trovano quindi in un’unica sede – Ospedale di Cremona – tutte le professionalità specialistiche e tutte le apparecchiature tecnologiche necessarie per garantire la diagnosi e gli standard terapeutici più all’avanguardia delle patologie toraco-polmonari.

 

© Riproduzione riservata
Commenti