Commenta

Al via il corso 2018 per la
formazione dei volontari
per il pronto soccorso

Madre Teresa di Calcutta diceva: “Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice”. “Donare un sorriso non costa nulla ma può fare moltissimo se rivolto ad una persona che soffre”: è ciò che ogni giorno i volontari dell’associazione Siamo Noi Onlus fanno nel reparto di pronto soccorso dell’ospedale di Cremona.
Accedere ad un reparto di emergenza costituisce sempre un momento di ansia e preoccupazione, sia per problemi personali o in accompagnamento a nostri cari, avere in questi momenti persone accanto che possono alleviare le attese e fornire informazioni può essere di grande aiuto.
Da 5 anni i volontari dell’associazione Siamo Noi sono di supporto alle centinaia di persone che quotidianamente accedono al reparto di pronto soccorso, accolgono all’accesso, guidano verso il servizio di “triage” e registrazione, assistono pazienti e familiari nelle sale d’attesa, forniscono informazioni sul servizio e le prestazioni del reparto, sono d’aiuto nei bisogni conseguenti alle attese. Chi sono i volontari? Sono semplici cittadini cremonesi, insegnanti, studenti, professionisti, casalinghe,  pensionati, persone che hanno deciso di donare del tempo agli altri, dopo aver frequentato un adeguato corso di preparazione.
Il corso, come, ogni anno, è tenuto da docenti universitari, psicologi, medici ed infermieri del pronto soccorso, sacerdoti, volontari dell’assistenza.
Il corso 2018 sarà presentato martedì 10 aprile alle ore 17,30 presso la palazzina del parco del Vecchio Passeggio, in via Gioconda 5 (primo piano). Interverranno volontari e medici in rappresentanza dell’associazione e dell’azienda ospedaliera.
La prima lezione del corso, completamente gratuito, si terrà a partire dal 12 aprile e dopo 15 lezioni terminerà il 31 maggio, dalle 18 alle 20, per due sere alla settimana, il martedì ed il giovedì, presso le aule didattiche dell’ospedale di Cremona.
Alla fine dopo un colloquio di fine corso si potrà accedere e dopo un periodo di tirocinio, assistito dal tutor, al servizio presso il reparto.
L’impegno richiesto ai volontari nel servizio è completamente libero, a seconda delle disponibilità di tempo di ognuno, nei giorni e negli orari preferiti.

© Riproduzione riservata
Commenti