Commenta

Prima Guerra Mondiale:
dal 7 al 15 aprile rassegna
commemorativa a San Vitale

Ha preso il via, presso le sale espositive di San Vitale, a Cremona, la rassegna storico-commemorativa degli eventi legati al primo conflitto mondiale 1914-1918, dal titolo “Le conferenze di pace di Zimmerwald e Kiental promosse dai movimenti dell’operaismo internazionale socialista 1915-1916”. L’evento è stato realizzato in collaborazione tra la Provincia di Cremona ed il Centro Filippo Buonarroti (centro nato a Milano nei lontani anni ’90 costituito per offrire in primo luogo a insegnanti e agli studenti occasioni di analisi e riflessione, dentro e fuori dalle scuole, sui grandi temi della storia, della scienza e dell’attualità).

La rievocazione storico commemorativa è aperta al pubblico, dal 7 al 15 aprile, dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Sabato domenica dalle ore 15 alle ore 17.

“Barcellona come Aleppo, purtroppo la storia si ripete: le vicende drammatiche vissute dalla popolazione nel corso della prima e seconda guerra mondiale oggi si ripetono in molti territori sparsi nel mondo, colpendo uomini, donne e bambini” ha spiegato Doriano Maglione del Centro Buonarroti, che ha promosso con altri volontari in Italia ed all’estero queste rassegne.

“Barcellona fu devastata, prima capitale in Europa da pesantissimi bombardamenti al pari di altre comunità oggi nel mondo, come ad esempio in Siria” ha continuato Maglione. “Il nostro intendimento è quello di rievocare i pensieri e le gesta di coloro che si opposero alla guerra così come delle condizioni sociali e culturali che portarono poi anche, dopo le conferenze di pace di Zimmerwald e Kiental promosse dai movimenti dell’operaismo internazionale socialista 1915-1916 a diversi percorsi per contrastare il dilagarsi dei medesimi conflitti. Questa rassegna che ha girato in m oltre città, presso scuole come in biblioteche e centri minori, si accompagna alle precedenti rassegne, quella per l’80º anniversario della Guerra Civile Spagnola 1936-1939 ‘Catalogna Bombardata’ e quella della Resistenza Operaia a Berlino 1942-1945. Ricordare quindi per non dimenticare e promuovere la pace ed il dialogo in tutte le sfere della società”.

Carlo Antonio Barberini, sempre del centro, ha precisato come l’iniziativa internazionalista offra uno spaccato poco conosciuto e diffuso, la cui attualità è centrale in un contesto geopolitica mondiale mutevole e preoccupante dove le grandi potenze manifestano un escalation verso climi conflittuali.

Osvaldo Bertoldi, anch’egli del Centro Buonarroti, ha rilevato come la rassegna intenda presentare al pubblico le differenti posizioni di pensiero all’interno delle conferenze di pace di Zimmerwald e Kiental e le successive fasi storiche che determinarono differenti posizioni di rivolta nei confronti dei conflitti mondiali.

© Riproduzione riservata
Commenti