Un commento

Presentato a Milano il progetto
cremonese di restauro strumenti
danneggiati da sisma Marche

E’ stato presentato lunedì 9 aprile a Milano, alla presenza di una vasta rappresentanza cremonese, presso il museo diocesano intitolato a Carlo Maria Martini, il progetto di restauro di strumenti musicali ad arco di San Ginesio, una delle località danneggiate dal terremoto delle Marche.  Il restauro, organizzato dal comitato promotore per il Club Unesco di Cremona coordinato da Roberto Villa, ha coinvolto un gruppo di professionisti che si sono messi a disposizione per predisporre ed attuare il restauro conservativo dei due strumenti: dalle analisi scientifiche (radiografie, endoscopie, analisi acustiche) al restauro materiale eseguito dal maestro liutaio Luisa Vania Campagnolo. Il restauro è stato illustrato nelle sue diverse fasi da Raffaele Pisani, ingegnere acustico. Alessandro Tosi, liutaio, e Luisa Vania Campagnolo, maestro liutaio restauratore, hanno ripercorso gli interventi effettuati da ottobre 2017 a marzo 2018, secondo il progetto di restauro approntato da Fabio Perrone ed approvato dalla Soprintendenza delle Marche. La storica dell’arte Silvia Cibolini ha illustrato la presenza di San Ginesio a Cremona.

Alla presentazione dell’importante iniziativa che coniuga solidarietà con valorizzazione del patrimonio artistico ed artigianale italiano, erano presenti Antonio Paolucci, ex Ministro dei Beni Culturali, Gabriele Barucca, Soprintendente di Cremona-Lodi-Mantova, Elena Ferrari Barassi e Laura Mauri, già docenti di organologia e conservazione degli strumenti musicali presso l’Università degli Studi di Pavia. Hanno partecipato al Progetto pro San Ginesio l’Academia Cremonensis, l’Accademia Liuteria Piemontese, la Fondazione Lucchi, AXA Art, GEWA, Davide Bussolari, Luisa Vania Campagnolo, Enzo Cena, Silvia Cibolini, Giovanni Colonna, Stefano Conca, Massimo Lucchi, Andrea Michetti, Elena Rosa Negrotti, Fabio Perrone, Raffaele Pisani, Alessandro Tosi, Stefano Trabucchi, Roberto Villa. “Un progetto – ha chiosato Perrone,- che mostra come da soli si possa fare ben poco, insieme molto”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alessandro Voltini

    Comitato promotore per il club UNESCO di Cremona ??!?