9 Commenti

Parco Fazioli, semina zizzania
il cartello che impedisce
di calpestare l'erba

Un cartello apparso nel parco Fazioli nelle scorse ore sta facendo discutere i frequentatori dell’area verde nel quartiere sorto sull’area dell’ex consorzio agrario. Vietato calpestare le aiuole, vietato giocare al pallone, vietato portare cani al guinzaglio: in pratica vietato utilizzare il parco per la quasi totalità delle attività all’aria aperta. I divieti appaiono stridenti a quei residenti e frequentatori del parco che da settimane stanno cercando di capire in cosa consista il progetto di riorganizzazione dell’area verde, che comprende anche quella parte intitolata al Nobel Levi Montalcini, adibita ad area sgambamento cani. In una delle ultime riunioni presso il punto d’ascolto di via Mons. Assi, qualche settimana fa, si era accesa un’animata discussione tra tre membri del direttivo (presidente Silvia Belicchi e consiglieri Taino e Fusco) e alcuni rappresentanti del gruppo “Amici a 4 zampe” che da qualche mese si sono costituiti  in maniera autonoma, in disaccordo con il direttivo, in merito all’utilizzo del parco. Era riemersa la questione dei cani che arrecano disturbo ai residenti di alcuni condomini ed era stato descritto (senza che venisse mostrata) la proposta di riordino del parco presentate dal comune e su cui il direttivo avrebbe dovuto esprimersi, sentiti i residenti. Una cosa era chiara: che parco Fazioli è destinato a diventare, tra l’altro, parco attrezzato con giochi per bambini, area anziani e percorso fitness. Insomma un parco vivo e fruibile, non un’aiuola protetta. “E allora cosa significa un cartello che impedisce persino di calpestare l’erba?”, si chiedono gli aderenti al gruppo degli Amici a 4 zampe?

Il cartello, pubblicato anche sulla pagina facebook di Non sei cremonese se non, sta accendendo un ampio dibattito e c’è tra l’altro chi ha fatto notare che il riferimento all’art.27 del regolamento di polizia municipale (si suppone la nuova versione da poco approvata che include la convivenza civile), sia sbagliato: l’articolo 27 del nuovo testo infatti riguarda le attività artigianali, non l’utilizzo del verde pubblico. g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Ogni giorno c’è chi se inventa una nuova, d’altronde con questa amministrazione tutto è possibile. Ancora un annetto e poi tutti a casa!

    • Sorcio Rosso

      e sorcio verde sarà assessore al verde o alla cultura verde?

  • Mirko

    Protezione del verde

  • Pierroth

    La giusta via sta nel mezzo Rispetto per gli amici a 4 zampe, ma stabilire anche fasce orarie , nel il rispetto dei condomini che abitano nelle vicinanze del parco Se poi quest’ultimo sarà adibito a parchetto per bimbi, a maggior ragione

  • tootsie60

    divieto d’accesso a bici e moto, cani al guinzaglio, in caso di ‘popò’ raccoglierla che non a tutti piace sentirsi ”fortunato” dopo averla calpestata, non raccogliere fiori, non calpestare le aiuole – aiuole, non ‘prato’ -, non giocare al pallone chè la manutenzione dell’erba dei campi da calcio è pagata, e non poco, da società e gestori, non dai contribuenti. non vedo nessun assurdo ”divieto” tale da strapparsi i capelli, basta saper leggere un semplice cartello che qualunque pubblica amministrazione, ripeto qualunque, appone a un pubblico parco.

    • Illuminatus

      Infatti, sono d’accordo.

    • Cogrossi Diego

      La prossima volta che vedo un bambino che gioca a pallone nel parchetto chiamo il pronto intervento dei vigili così voglio vedere se si è Ligi alle regole

  • Bruno Fulco

    Finalmente, dopo tanti anni di abbandono, la sistemazione del parco Fazioli, da parte di questa amministrazione comunale, a mio modesto parere, deve essere concepita come un positivo recupero di territorio a beneficio di tutti i cittadini, salvaguardando i servizi preesistenti (area cani).

    • Cogrossi Diego

      e secondo lei il divieto di calpestio e di gioco e di frequentazione nel parco fazioli è da vietare in questo modo ? Non era il vostro cavallo di battaglia nel dire che i bambini e gli anziani non potevano circolare indisturbati nel parco ? Ora mi sembra che ci sia un bel divieto che ostacola il progetto di parco con zone gioco e percorso natura ! Cosa facciamo il parco e poi lo visitiamo il suo utilizzo ? Ma fate ridere