Commenta

Musica al Museo, il 6 maggio
in concerto l'orchestra
d'archi Galimathias Ensemble

Domenica 6 maggio, alle ore 11, nella Sala Manfredini del Museo Civico “Ala Ponzone”, nell’ambito della rassegna Musica al Museo, concerto dell’orchestra d’archi Galimathias Ensemble, formata da studenti del Dipartimento di Musicologia. Il Galimathias Ensemble (Violini: Damiano Barreto, Arianna Rigamonti, Giulia Volcan, Giulia Vitale; Viole: Lorenzo Novelli, David Arroyo Perez; Violoncelli: Francesco Dalla Libera, Lavinia Hantelmann) è una giovane orchestra d’archi nata dal desiderio di alcuni studenti del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali di fare musica insieme, esplorando repertori poco frequentati, con un’attenzione particolare alla messa in pratica delle competenze acquisite durante la frequentazione dei corsi universitari. Nella sua prima esibizione alla rassegna Musica al Museo l’Ensemble presenta un programma tutto viennese: due celebri Divertimenti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart (KV 136 e 138) incastoneranno una gemma poco nota di Franz Schubert, il Rondò D 438 per violino solista e archi. L’ingresso è gratuito sino ad esaurimento dei posti disponibili.

L’Orchestra d’archi “Galimathias Ensemble” nasce nel 2016 fa all’interno del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali, con la volontà di creare un gruppo di lavoro che riesca a conciliare gli studi teorici, intrapresi durante l’anno accademico, con la pratica musicale. Ogni anno il Dipartimento accoglie moltissimi giovani musicisti attratti dall’esigenza di fare musica ‘con la testa’, e la creazione di questo gruppo ha arricchito le opportunità all’interno della vita accademica per condividere l’esperienza di fare musica assieme.

Attualmente il gruppo è formato da circa 15 studenti, che hanno trovato la voglia di mettersi in gioco, confrontandosi e trovando insieme nuove soluzioni esecutive facendo affidamento sul dialogo e la cooperazione, senza l’aiuto di un direttore o un concertatore esterno. Collaborando con il Comitato Concerti “Francesco Attanasi” e con l’Associazione degli Studenti del Dipartimento, l’Ensemble ha avuto la possibilità di suonare durante la rassegna musicale “Università in Concerto” nella sala delle cariatidi di Palazzo Cattaneo e nel cortile di Palazzo Raimondi (sede del Dipartimento), partecipando contestualmente alle celebrazioni per la Festa Europea della Musica, con un concerto nella splendida cornice di piazza del Comune di Cremona.

Il primo programma del Galimathias Ensemble, Elogio della Danza, ha visto il gruppo cimentarsi con musiche per archi del primo Novecento ispirate all’arte coreutica, quali Danze Rumene di Bela Bartok, Capriol Suite di Peter Warlock e St.Paul’s suite di Gustav Holst. Il gruppo sta attualmente lavorando ad altri progetti (tra cui uno sulle serenate per archi, con musiche di Robert Fuchs e Leos Janacek), con l’impegno sempre teso ad un’offerta variegata ed interessante, in cui lo spirito musicologico del gruppo si riflette anche sulla ricerca e sullo studio di autori e composizioni poco rappresentati nel grande repertorio delle orchestre d’archi.

© Riproduzione riservata
Commenti