43 Commenti

Nuovo polo commerciale
in via Sesto, ruspe già al
lavoro: 12mila mq di negozi

Le ruspe sono già al lavoro da fine aprile, in via Sesto, dove sta per nascere un nuovo polo commerciale, esattamente accanto al CremonaPo: 12mila metri quadrati per sei strutture commerciali unite sotto un’unica galleria per quello che,di fatto, si preannuncia un nuovo insediamento di negozi.

I cartelli che sono esposti nei pressi dell’area, dove gli escavatori procedono senza sosta, indicano la data di fine lavori al 30 novembre 2019: poco più di anno e Cremona avrà un nuovo polo commerciale che insedierà ulteriormente un centro storico già sbiadito e in difficoltà. L’importo dei lavori, comissionati dal fondo Eurocommercial Proprieties Italia Srl, subentrato nella proprietà alla società immobiliare Acquamarina Srl della Coop, è di oltre 8 milioni e 200 mila euro.

Secondo le prime indiscrezioni, il complesso sarà formato da un nucleo centrale dedicato al settore food, accanto a nuove catene dedicate al bricolage e all’abbigliamento a completare la struttura, che si raccorderà nell’area dove ora sorge Maisons du Monde. Da non dimenticare il futuro dell’area Ex Armaguerra in via Castelleone, a pochi metri, che diventerà a sua volta una cittadella del commercio, grazie al Lidl; non ultimo, il futuro ancora incerto (ma sempre a uso commerciale) dell’ex Area Scac.

Le ruspe in azione in via Sesto (Foto Sessa)

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Ma costruire un parco con alberi e del verde no è??? Cemento su cemento

  • Roberto

    Fra qualche anno di questo passo, ci saranno più centri commerciali che case

    • iroma3

      quando li chiuderanno per mancanza di money collettiva, li occuperanno le Onlus e le Coop per ospitare le “risorse”.
      Come disse Gentiloni, ne abbiamo tanto bisogno perché ci pagheranno le pensioni.

  • fulvio rozzi

    e poi via mantova e poi gadesco e poi le piste ciclabili e poi ampliamento isola pedonale e poi mancanza di parcheggi e poi il consumo di aree e poi il centro storico vuoto e poi il commercio in città scoraggiato e poi via del sale e poi le modifiche alla viabilità via persico via brescia san bernardo e poi anche altro in altre occasioni

  • Sorcio Verde

    Bene, bravi, bis!

  • Patrizia Signorini

    Grazie a tutti. E’ stato bello. Sono commossa, bastava anche meno.

    • Andrea è tornato ✰

      Tranquilla che il suo concorrente vero è il web…

      • Patrizia Signorini

        Quello esiste da anni ed è meno difficile di quanto si pensi conviverci. La città, come comunità sociale ed economica, esiste da secoli ed è quella che stanno distruggendo. Non parlo per la mia attività, anche se il commercio è da sempre l’ossatura delle aggregazioni e ne sta soffrendo in modo tremendo- Il danno di queste piattaforme è un altro ed è immane

        • Andrea è tornato ✰

          Quindi non vale la pena di prendersela per un centro commerciale che è destinato a chiudere. Ogni cosa ha il suo tempo, ieri il piccolo commerciante, oggi il centro commerciale, domani il web.

          Spiace ma è così…

        • un fascio di luce

          concordo pienamente con lei. i negozi nei centri storici hanno un importante ruolo nel mantenimento del decoro delle città e di salvaguardia del patrimonio dei centri delle città che, chiusi tutti i negozi e bar, rimarrebbe in mano a chi? a Citelium, a questi poco illuminati amministratori e alle piste ciclabili…
          gli amministratori dovrebbero riconoscere il “ruolo sociale” dei negozianti del centro, valorizzandoli con progetti quali “i negozi amici dei bambini” ecc, dando loro occasioni e opportunità, sentendo le loro idee per la valorizzazione del centro storico, senza invadere ogni fine settimana il centro ed i parcheggi con iniziative che portano frutto ad ambulanti spesso neppure lombardi…
          è la stessa miopia per cui agli agricoltori, che utilizzano i canali irrigui per l’irrigazione dei loro terreni 3 o 4 volte all’anno, devono sobbarcarsi il costo totale della bonifica del sistema irriguo, senza ricompense e senza riconoscere il ruolo dell’agricoltura a tutela del territorio, contro il dissesto idrogeologico. scusi la divagazione.

  • Italiana

    Però una domanda: com’è che nei centri commerciali c’è sempre pieno? Perché tutti criticano e poi ci vanno?

    • Ronni

      Sempre pieno ???? Lo vada a raccontare alle cassiere e ai dipendenti dei vari centri commerciali nellinterland bresciano e bergamasco o in Toscana dove stanno chiudendo per eccesso di offerta …!! Le grandi finanziarie sostenute da numerosi fondi hanno capito che costruendo immensi centri commerciali possono influenzare a loro piacimento i consumi creando masse di boccaloni…….a cui purtroppo cremona non fa eccezione !! Contenta lei….

    • Sorcio Verde

      Forse perché i parcheggi sono gratis, non ci sono ZTL assurde e riesci a mangiarti un gelato in pace senza pensare al parchimetro e gli accattoni e gli abusivi li fanno sloggiare. Ne vuoi altri di motivi?

      • Caber

        I parcheggi sono gratis per gli utenti perchè pagati dal centro commerciale stesso. Perchè i commercianti del centro (che tanto credono che il costo del parcheggio influisce sulle vendite) non aprono il portafoglio per finanziare iniziative in tal senso? Ad esempio potrebbero accordarsi coi gestori del parcheggio e pagare loro un’ora di parcheggio a chi effettua acquisti… O vogliono il parcheggio gratis senza pagare nulla?

        • Sorcio Verde

          Ti basti pensare ad una cosa:
          Dal primo gennaio i sacchetti per comprare la frutta sono a pagamento.
          2 cent, una bazzecola ma questo ha comportato una diminuzione delle vendite nel reparto ortofrutta sfuso del 7%. Ci sono cose che danno fastidio, non per il valore ma per le modalità. Continuare a mettere ztl e parcheggi a pagamento sono due tra le tante che danno fastidio, ma nella testa dei nostri amministratori non entrano.
          Quanto poi agli accattoni e abusivi, qui si vede il lassismo di una giunta che i cremonesi non vedono l’ora di ribaltare per i prossimi 50 anni…

          • Caber

            anche i centri commerciali pagano gli oboli (solo molto più grossi di un negozio). nonostante questi si sono attrezzati coi parcheggi di proprietà.
            Se, come dici tu, il parcheggio costa poco ma disincentiva molto il mio discorso di prima è rafforzato. Invece di lamentarsi perchè vogliono i parcheggi in regalo che li paghino loro ai clienti (affittando o comprando spazi).

            Invece a me sembra che si voglia la botte piena (non far pagare i parcheggi ai clienti) e la moglie ubriaca (non farli pagare neanche ai commercianti). Col risultato, questa volta davvero ingiusto, che ci rimettano quelli che in centro non parcheggiano.

          • Sorcio Verde

            Sinceramente, del tuo ragionamento, non ho capito un c…nulla.

          • Caber

            E’ tutto molto semplice. Se come dici tu per pochi spiccioli di parcheggio le gente compra molto meno dai commercianti del centro la soluzione è semplice:
            Che si facciano un parcheggio loro (o più semplicemente si convenzionino con uno già esistente) e regalino il parcheggio a chi fa acquisti in centro.

            Non vedo la difficoltà…

          • Sorcio Verde

            Di difficoltà ne vedo meno a farli gratis,in un città che è in realtà un paesone non servono ne loro, ne le ztl, ne le piste ciclabili, ne gli accattoni e neppure gli abusivi.
            Semplice.

          • Illuminatus

            Infatti, quando i parcheggi erano gratis (vent’anni fa) anche il centro era vivo.

          • dido09cr61

            e poi le elezioni sono vicine,,,, i voti si cercano dove credi di prenderli; gli elettori/cittadini del centro saranno ancora concordi a vedere la città concia così ?.. Come disse il vate: chi è caglion del suo mal pianga se stesso…

          • L’Alter Ego – Art Deco Edition

            Ztl e parcheggi a pagamento sono la norma in qualunque città dell’Europa Occidentale. E ci mancherebbe altro aggiungo.

          • Sorcio Verde

            Bene, creiamo finti centri storici con tutte sembianze ma fasulli (vedi outlet) e facciamo morire i veri centri storici delle città,ricchi di storia e di tradizione, perché è la norma…e dove sta scritta sta norma????

          • L’Alter Ego – Art Deco Edition

            Nelle menzionate città di cui sopra, le ztl e i parcheggi a pagamento non hanno nulla a che vedere con la salute del centro storico. Però guarda, prova a proporre di spianare l’area di via palestro, crei un bel parcheggione gratuito (possibilmente raggiungibile da ogni dove, tipo passando in auto in corso campi e facendotelo peraltro finanziare presumibilmente dalla fata turchina) e poi, zac, il centro storico sicuramente rifiorisce.

          • Sorcio Verde

            Mah, quali sono le menzionate città di cui sopra? Sei sicuro di star bene? Mi sto preoccupando…

          • L’Alter Ego – Art Deco Edition

            Quelle dell’Europa Occidentale. Da Aberdeen a Zurigo.

          • Sorcio Verde

            Vabbè…ma qui si sta parlando di Cremona, un paesone,e devi scendere di qualche gradino, anzi di parecchi, faccio bene a preoccuparmi…

          • Illuminatus

            Però costa di più parcheggiare in centro a Cremona rispetto al lungolago di Lugano – questo come si spiega?

            E sono in molti a trovare odioso a Cremona dover pagare un minimo di tariffa quando la sosta prevista è di pochi minuti, oppure pagare fino alle 15.30 sempre per via del pagamento minimo se si vuole mangiare un boccone a pranzo e bisogna essere in uffico alle 14.

          • dido09cr61

            basta guardare con quale rapidità hanno modificato l’area parcheggio e tutta la viabilità attorno al centro commerciale, prova a chiedere l’asfaltatura di un marciapiede o la sistemazione dell’acciottolato divelto dai furgoni ( es via g. grandi, via Jacini, via trecchi ), e poi dimmi quanto Ti ci vuole….

          • mirko ansaldi

            C’è una legge specifica che ogni tot parcheggi a pagamento ci devono essere tot parcheggi che non si paga…questo la gente non lo sa..tra qualche anno si pagherà anche l’aria che al metro cubo.

          • Mirko

            Sapevo e concordo

          • Roberto

            Mancava solo la pagliacciata dei sacchetti della frutta, la grande distribuzione fá pietá, vuole schiacciare i piccoli per poi dopo far monopolio e farsi gli affari suoi a nostre “spese”… nel vero senso della parola!

          • Sorcio Verde

            Giusto, gridiamolo forte a chi continua a dare permessi per costruire centri commerciali.

          • pisto

            Non per darti contro, ma il Pgt era stato approvato già dall’ amministrazione precedente, ciò non toglie che le scelte su che “cosa” costruire nelle aree autorizzate forse necessiterebbe di scelte più oculate.
            E c.que dato che è ancora calda, oggi grande Cremo!

          • Sorcio Verde

            Grade Cremo!E’ la riprova che cambiare mister/mayor fa bene!

          • alberto

            l’IMU tra le piu’ care d’Italia? mi dici la fonte perchè no ho trovato riscontri. la certezza è che è diminuita la tari.

          • Sorcio Verde

            Un paradiso fiscale, dopo le Caiman e il Lussemburgo viene Cremona…

        • un fascio di luce

          in altre città già succede che ti scontino il parcheggio e certamente anche a Cremona viene fatto. o non si è mai sentito dire al momento del pagamento, le offro il caffè o il parcheggio?? a me succede sempre e immagino che anche lei conosca la cordialità dei negozianti (cordialità che raramente si ritrova nei commessi sottopagati delle catene di negozi).
          quello che però non è equo è il numero di parcheggi a disposizione dei clienti nei centri commerciali ed il numero di parcheggi a disposizione in centro a Cremona, tolti quelli dei residenti…. o sbaglio?
          l’altra “piccola” differenza è che il centro commerciale acquista un terreno una sola volta, ma un negoziante quanto dovrebbe spendere per pagare il ticket ad ogni suo cliente, ogni ora, ed ogni giorno dell’anno negli anni…
          sono certa che se l’amministrazione concedesse in vendita eo affitto annuale degli stalli di parcheggio, sarebbero tanti i negozianti interessati all’acquisto ma, dopo di che, ci troveremmo il centro senza possibilità di parcheggio libero…. mah… temo che la soluzione non sia così facile e percorribile come lei la descrive.
          e certo ingrandire il centro commerciale raggiungibile coi bus urbani non è stata una mossa avveduta, sempre a mio modesto parere. e che ci si metta meno tempo per andare coi mezzi all’ipercoop piuttosto che all’ospedale è rappresentativo di quali siano gli interessi che stanno a cuore a chi ha preso queste decisioni.

      • alberto

        prendi la bicicletta

        • Sorcio Verde

          Si, una mobike….

  • fabry20023

    State tranquilli ragazzi, questi centri commerciali si mangieranno l’uno con l’altro, la torta e’ sempre quella, ma le fette sono sempre piu’ piccole.

  • disqus_jQeGIpbFH9

    Molti chiuderanno presto.

  • Roberto

    Al cremunes ghe pias maiala dulsa!! Ma non credete che poi vada al centro per spendere, el cremunes fá el giret!