Ultim'ora
Commenta

Giornata mondiale
contro l'ipertensione, 230
le persone controllate

Sono 230 le persone che sabato 19 maggio, presso i giardini pubblici di Cremona, hanno partecipato alle iniziative di prevenzione organizzate dall’Asst di Cremona in collaborazione con Ats della Val Padana. Medici, infermieri, studenti e volontari hanno lavorato con grande impegno, in un clima vivace e collaborativo, raggiungendo anche quest’anno un importante risultato.

Sono passati a supportare l’iniziativa e a fare i saluti agli operatori, Camillo Rossi (Direttore Generale Asst di Cremona), Salvatore Mannino (Direttore Generale Ats della Val Padana) e Paola Mosa (Direttore Socio Sanitario Asst di Cremona). L’open day si è svolto grazie alla sinergia dell’Ambulatorio per la Diagnosi e Terapia dell’Ipertensione Arteriosa (UO Nefrologia – Ospedale di Cremona), Centro Servizi (Ospedale di Cremona) e Area Promozione Salute (Ats della Val Padana).

Un ringraziamento sentito a chi ha reso possibile tutto questo: ai volontari di Robecco d’Oglio, agli studenti del Corso di Studi in Infermieristica, ai medici, infermieri e personale sanitario Asst di Cremona e Ats della Val Padana e al Gruppo Provinciale Panificatori Cremona.

Obiettivo della Giornata è stato promuovere una maggiore consapevolezza sull’importanza di tenere sotto controllo i valori pressori, imparando anche a conoscere i sintomi della condizione ipertensiva. Non solo. Oltre alla misurazione della pressione arteriosa, è stata effettuata una breve visita medica, l’eventuale verifica delle apparecchiature domiciliari per la rilevazione della pressione e, anche quest’anno, è stato effettuato il dosaggio della microalbuminuria con metodica semiquantitativa.

A supporto poi della promozione di un corretto stile di vita, è stato inoltre possibile eseguire il test con l’impendenziometro, esame che consente una veloce valutazione del rapporto tra massa magra e massa grassa, ricevere pane a basso contenuto di sale ed iscriversi alle camminate per la salute organizzate da Ats della Val Padana.

© Riproduzione riservata
Commenti