Ultim'ora
Un commento

Si è spenta la pittrice
di Casalbuttano
Anna Maria Costa

Ha iniziato ad amare l’arte in ogni sua forma e declinazione, suonando le note di giochi proibiti alla chitarra. Si è poi dedicata alla poesia e alla pittura. Anna Maria Costa si è spenta venerdì mattina nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore di Cremona, dopo che lunedì pomeriggio era stata colpita da una emorragia cerebrale non operabile.

Lascia il marito Antonino e i figli Alessandra, Fulvio e Fabrizio. Anna Maria, una vita vissuta per l’arte, passione che esercitava con continuità, nonostante il grande impegno nel lavoro: per 25 anni è stata titolare dell’azienda di produzione artigianale di prodotti di Cioccolato “Tosca” a San Vito di Casalbuttano.

Un talento innato sviluppato negli anni attraverso i maestri che l’hanno seguita: Biondini, Fayer, Sartori e negl’ultimi anni Bertazzoli, e poi gli scultori Misani e Priori, Anna Maria da 15 anni non dipingeva più a causa della vista che piano piano la stava abbandonando.

È stata una delle prime pittrici a raccontare attraverso i suoi quadri il disagio sociale della donna, ma anche la grande forza d’animo che caratterizza la figura femminile, grazie all’uso del colori vivaci e intensi.
La sua ultima mostra fu “L’Amore che incontra la Vita”, nella sala d’oro del Comune del suo paese, Casalbuttano, per raccontare la sua passione, il suo viaggio.

I funerali saranno celebrati lunedì alle 15,30 nella chiesa parrocchiale di San Vito Martire a Casalbuttano.

Eleonora Busi

© Riproduzione riservata
Commenti