Commenta

Pietro Anelli e il sogno
di un pianoforte italiano
Se ne parla all'Adafa

La grande tradizione di produzione di pianoforti della famiglia Anelli: a questa gloriosa fase quasi dimenticata della storia di Cremona, ha dedicato una monografia lo studioso Fabio Perrone, autore di “Pietro Anelli 1863 – 1939 e il sogno di un pianoforte italiano”, che verrà presentato domani, venerdì 8 giugno alle 17,30 presso l’Adafa di via Palestro 32.

Il libro ripercorre la vita e l’attività del capostipite della famiglia di costruttori a cui lo stesso Perrone ha dedicato un altro volume, presentato, contestualmente ad una esposizione di strumenti, lo scorso aprile a Crema. L’esperienza tecnica maturata prima sugli organi, poi sui clavicembali e sulle spinette e, infine, sui pianoforti, è stata trasmessa da una generazione all’altra prima di giungere a Pietro Anelli  che, dopo aver fatto a sua volta esperienza come organaro e accordatore di pianoforti, ha costituito nel 1918 la “Società Anonima Anelli” con l’orgoglio patriottico di dimostrare che si potevano costruire anche in Italia ottimi strumenti musicali a tastiera non inferiori, come qualità ed affidabilità, alle migliori marche estere.

© Riproduzione riservata
Commenti