2 Commenti

Furti, spinelli e alcool
Raffica di controlli
attorno al Luna Park

Raffica di denunce in zona Po tra la sera del 19 e la mattina del 20 giugno. I Carabinieri della Compagnia di Cremona, sotto il comando del Maggiore Rocco Papaleo, durante alcuni controlli mirati alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, dello spaccio di sostanze stupefacenti nonché al controllo in materia di violazioni alle norme del codice della strada con particolare riferimento all’abuso di bevande alcooliche, hanno proseguito nelle attività di prevenzione sulle strade del territorio cremonese, concentrando la loro azione in particolare nell’area del lungo Po a Cremona. In concomitanza con i numerosi eventi che si sono svolti durante il Luna Park di San Pietro e che hanno fatto convergere in città numerose persone anche da fuori provincia, l’area è stato posta al setaccio con posti di controllo nei punti principali di passaggio e della rete viaria ed il controllo di tutte le zone di parcheggio presenti per scongiurare furti o individuare eventuali ladri in particolare ai danni di auto e veicoli. Nel servizio sono stati impegnati 20 Carabinieri e 6 autoradio.

Nello specifico hanno deferito in stato di libertà e segnalato al competente Ufficio del Governo per furto aggravato un 13enne di Soresina e tre 15enni di cui due residenti a Cremona ed uno a Spinadesco. I quattro sono stati sorpresi nel parco “Iginio Sartori” intorno alle ore 03.00 mentre erano nascosti per eludere il passaggio della pattuglia. Controllati ed identificati, sono stati trovati in possesso di un motorino “Derby” di proprietà di un 23enne di Cremona da poco rubato in viale Po. I minori hanno ammesso il furto e l’intenzione di allontanarsi con il motorino ed alcune biciclette con cui avevano raggiunto il luogo. I quattro ragazzi sono stati quindi riaffidati ai rispettivi genitori con l’ammonizione di vigilare maggiormente sui propri figli e deferiti al Tribunale per i Minori di Brescia.

Un 17enne, anch’esso residente a Cremona, è stato invece fermato in viale Po introno alle 22.00 poiché trovato in possesso di una mountain bike dietro segnalazione del proprietario 18enne che ha avvertito i Carabinieri una volta accortosi del furto vedendo transitare il controllato a bordo della propria bicicletta. Una volta restituita la mountain bike,  nel corso degli accertamenti gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto, su indicazione dallo stesso ragazzo fermato e nascosta poco distante, un’ulteriore mountain bike di proprietà di un altro 18enne di Cremona che risultava essere stata rubata anch’essa poco prima nei pressi del Luna Park.

Nel corso della stessa operazione sono state denunciate altre sette persone per guida in stato di ebbrezza: S.A.E., nato in Germania cl. 1993, residente ad Asola, che percorreva la tangenziale risultando positivo all’alcool test con tasso di 1,44 g/l; I.E.A., rumeno di 20 anni residente a Cremona positivo all’alcool test con tasso di 1,12 g/l; P.C., nata in Romania classe 1982, residente a Rottofreno (PC), in viale Po con tasso di 0,96 g/l; G.R., cremonese 44enne in corso Vacchelli, con tasso di 1,33 g/l; K.D.A.G., nata in Costa d’Avorio e residente a Cremona, 33 anni, in via Sesto, con tasso di 2,02 g/l; E.C.,55 anni residente a Cremona, controllato in via Aporti, con tasso di 2,27 g/l; infine S.C., cremonese, 27enne fermato in via del Giordano con tasso di 1,72 g/l.
Denunciati invece per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti un 23enne nato in Costa d’Avorio, residente in città, che durante un controllo in Piazza Roma è stato trovato in possesso di 3 grammi di hashish; un 21enne di origine siciliana residente a Cremona e trovato sempre in Piazza Roma con una sigaretta artigianale di hashish.
Nel corso della notte sono state identificate decine di persone e controllati oltre 100 veicoli. I servizi proseguiranno per tutto il periodo estivo con maggior attenzione in occasione di eventi musicali e non solo.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Dott. Landi Roberto

    Galimberti recentemente ha dichiarato che Cremona è una città sicura. Questi fatti confermano che di sicuro c’è solo che, anche in questo caso, si è completamente sbagliato

    • Mirko

      Concordo